A Palermo il murales sui bambini che dona colore e speranza a uno dei quartieri più degradati

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Palermo, quartiere dello Sperone. Il colore si impossessa di un nuovo angolo del capoluogo siciliano grazie all’abile mando dello street artist Igor Scalisi Palminteri che ha realizzato un murale dedicato alla figlia e a tutti i piccoli, per ricordare al mondo che nessun bambino deve soffrire e deve pagare per le colpe degli adulti.

L’enorme opera si trova in uno dei quartieri dove degrado e  criminalità la fanno da padroni, ma da ieri ha una nota di colore in più e un messaggio di speranza per il futuro simboleggiato dai bambini. Non a caso è stato inaugurato ieri in concomitanza con la riapertura delle scuole, chiuse da marzo.

L’immagine è una di quelle che parla da sola e mostra da una parte la gioia dei bambini, dall’altra racconta le ombre di un futuro incerto, raffigurato come una croce proietatta alle loro spalle. Un futuro scritto dagli adulti ma che i bambini hanno il diritto di buttare alle loro spalle.

Le braccia allargate del bambino non servono solo a ricordare una croce, un martirio, ma sono un barlume di speranza e di apertura verso il futuro.

Realizzata in via XXVII maggio, l’opera si chiama “IO SONO TE” ed è lo stesso autore a raccontarla:

“Dedico questo muro, che ho dipinto allo Sperone, a mia figlia che ha 5 anni e con lei, a tutti i bambini e le bambine di questa città. Perché sono la nostra unica possibilità, per costruire insieme una visione nuova, una Palermo possibile che riesca a guardare alla bellezza e al futuro”.

Lo street artist ha già abbellito Palermo con altre significative opere tra cui quella dedicata a Falcone e Borsellino che illuminano le strade con un largo sorriso:

Fonti di riferimento: Igor Scalisi Palminteri/Facebook

LEGGI anche:

Sorriso smagliante e maglia della Roma: il murale dedicato a Willy Monteiro

A Napoli spunta il murales di Jorit per George Floyd, un monito contro il razzismo

Su questa scuola elementare spunta lo stupendo murales con “Il Bacio” di Hayez

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Deceuninck

L’importanza della luce naturale in casa e come ottenere giochi di luce con qualche accortezza

Mediterranea

Siero viso anti-age con buon Inci: la prova prodotto di Olive Mediterranea

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook