@Germana Carillo

Almost Home: La casa di Rosa Parks in mostra nel cortile del Palazzo Reale di Napoli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La casa di Rosa Parks nel Palazzo Reale di Napoli. Arriva l’installazione ‘Almost Home’ dell’artista statunitense Ryan Mendoza che porta nel cortile centrale dell’edificio, l’abitazione dell’attivista afroamericana Rosa Parks, indimenticabile quando nel 1955 passò alla storia per non aver ceduto il posto sul bus a un bianco nella città di Montgomery, diventando così un importante simbolo nella lotta per i diritti civili degli afroamericani.

napoli-casa-rosa-parks

@Germana Carillo

Rosa Parks, figlia di James Parks e Leona McCauley, nasce a Tuskegee, Alabama, il 4 febbraio 1913. Di confessione metodista, nel 1932 sposa Raymond Parks, già attivo nel movimento dei diritti civili.

Dal 1943 diventa attivista nella sezione di Montgomery della National Association for the Advancement of Colored People (NAACP). Intorno al 1955 – nello stesso periodo in cui Martin Luther King lottava per far valere i diritti dei neri – frequenta un centro educativo per i diritti dei lavoratori e l’uguaglianza razziale, la Highlander Folk School. Quello che succede dopo, è storia.

“Le persone dicono sempre che non ho ceduto il mio posto perché ero stanca, ma non è vero. Non ero stanca fisicamente o non più di quanto non lo fossi di solito alla fine di una giornata di lavoro. Non ero vecchia, anche se alcuni hanno un’immagine di me da vecchia allora. Avevo 42 anni. No, l’unica cosa di cui ero stanca era subire”, scrive nel suo libro.

Ad organizzare l’esposizione, con il sostegno della Regione Campania e in collaborazione con la Direzione regionale Musei Campania, la Fondazione Morra Greco che per l’occasione esce dai confini dei propri spazi espositivi per presentare il progetto “Almost Home – The Rosa Parks House Project”.

casa-rosa-parks2

@Germana Carillo

La casa, collocata originariamente nella città di Detroit e acquistata dalla nipote della Parks, Rhea McCauley, è stata salvata dalla demolizione e recuperata dall’artista Ryan Mendoza, che nel 2016 decide di prenderla con sé per proteggerla dall’incuria e rimontarla nel giardino della propria casa a Berlino.

“Con il progetto “Almost Home – The Rosa Parks House Project” – si legge in una nota dei curatori – Ryan Mendoza mantiene in vita la memoria di Rosa Parks e di tutti coloro che hanno abitato la casa in un momento storico drammatico e conflittuale della storia americana, la cui identità, oggi rimessa in discussione dal ritorno del Black Lives Matter, appare sempre più fragile e contraddittoria per le ferite di un passato coloniale ancora aperte”.

L’ingresso all’installazione, visitabile fino al 6 gennaio, è gratuito.

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Ènostra

“Libertà è autoproduzione”: con ènostra l’energia è rinnovabile, etica e sostenibile

Schär

Pasta madre senza glutine: tutto quello che devi sapere

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook