Morto Andrea Camilleri, il Maestro che ha insegnato ad amarci

andrea camilleri

Addio Andrea Camilleri, poeta ironico, autore, scrittore, Maestro, signore siciliano spiritoso e colto. Con lui se ne va un pezzo di Sicilia, quella del famoso Montalbano e dell’immaginaria cittadina di Vigàta, dove si svolgono le indagini del celebre commissario e scenario di altri diversi romanzi, spesso ambientati nei secoli passati.

Se ne va a 93 anni, lontano da quei luoghi e dal suo mare, in questa calda mattina di luglio e a un mese esatto dal ricovero in rianimazione all’ospedale Santo Spirito di Roma per arresto cardiaco. Da allora non si è più veramente ripreso. Anzi, le sue condizioni sono andare via via peggiorando, tanto che dal 21 giugno i medici avevano interrotto i bollettini.

Da qualche tempo aveva perso la vista, ma fino a quando gli è stato possibile, Andrea Camilleri, nato a Porto Empedocle il 6 settembre 1925, ha messo giù storie – aiutato dalla sua assistente e agente Valentina Alferj – con la sua inconfondibile capacità di raccontare. Teatrale, sottile, dolce al tempo stesso.

“Tutti gli altri sensi si sono messi in attività per correre in soccorso della vista. Mi è tornato l’olfatto e il tatto è talvolta insopportabile, come prendere la scossa – ha detto Camilleri – Forse perché la cosa di cui più soffro è la perdita del colore, le memorie si sono fatte molto colorate, con colori vivissimi. E così i sogni”, disse alla presentazione del suo ultimo libro, “Esercizi di memoria“,

Forte ironia e una scrittura raffinata le sue caratteristiche. I gialli firmati da Camilleri sono andati sempre a ruba, con il suo stile piacevole e inimitabile. Rimangono a noi oltre cento libri, tutti pubblicati in età adulta. “Un filo di fumo“, edito da Garzanti nel 1980, fu il primo di una serie di romanzi storici ambientati proprio a Vigàta a cavallo tra ‘800 e ‘900, a cui hanno fatto seguito “La strage dimenticata“, “La stagione della caccia“, “La bolla di componenda“.

Nel 1994 nasce il commissario Montalbano con “La forma dell’acqua”, primo scritto della serie. Ed è subito un successo strepitoso. Le indagini poliziesche e, attorno al protagonista, le avventure di Augello, Fazio, Catarella e altri, affascinano l’Italia dal Sud al Nord e fanno esplodere la bellezza della Sicilia e del suo dialetto, lasciando a tutti i lettori il curioso compito di imparare il significato di parole come cabasisi cataminarsi.

Secondo il comunicato della ASL Roma 1 “per volontà del Maestro e della famiglia le esequie saranno riservate. Verrà reso noto dove portare un ultimo omaggio”.

Buon viaggio Maestro!

Leggi anche:

Da Camilleri a Sciascia: in Sicilia nascono le panchine letterarie

Germana Carillo

Giornalista pubblicista, classe 1977, laureata con lode in Scienze Politiche, Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci anni.
Caffé Vergnano

Women in coffee, il progetto che sostiene il ruolo delle donne che lavorano nelle piantagioni di caffè

Coop

Fuori la plastica dai sacchetti del pane!

tuvali
seguici su Facebook