Mobile garden: un giardino dentro il vagone del treno

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un ambiente lussureggiante con verdi prati, piante rigogliose, fiori profumati, edere arrampicate un po’ ovunque. Non stiamo parlando della foresta amazzonica, ma dell’insolita veste di un vagone del treno della Transit Authority di Chicago, trasformato da un artista americano in una vera e propria giungla urbana.

L’installazione è parte integrante del più grande festival d’arte mobile del mondo, Art on Track, una mostra d’arte itinerante e interattiva ospitata a bordo delle carrozze dei treni. Per cinque ore, lo scorso 18 Settembre, i passeggeri americani hanno potuto così provare il piacere di camminare, sedersi o addirittura stdraiarsi, con un po’ di incoraggiamento, sul florido manto d’erba che ricopriva i sedili e il pavimento, ammirando fiori e piante tropicali, mentre il treno li trasportava verso il Loop, il centro di Chicago.

La “trasformazione” del freddo e sterile vagone in una ambiente accogliente e “green” è stata diretta da Joe Baldwin, dell’associazione votata alla difesa delle arti e degli artisti Noisivelvet, che dal 2008 lavora per sostenere il suo progetto Mobile garden (“giardino mobile”): Joe ha in mente di costruire un giardino sul pianale di un treno, scegliendo piante autoctone resistenti alle difficili condizioni di “viaggio”, e farlo trainare per un mese, come parte integrante del servizio di transito regolare della Chicago Transit Authority.

giardino_mobile3

Questo innovativo progetto, che si propone di sensibilizzare in tema di gestione urbana, bioedilizia ed eco-sostenibilità, si inserisce nella sempre più affermata volontà di far tornare il verde nelle nostre grigie e cementificate città, affiancando concettualmente il guerrilla gardening , i green roof, gli orti urbani, le vertical farm.

giardino_mobile4

Ma si tratta, al tempo stesso, di un attacco verde piuttosto originale: una innovativa idea “selvaggia” che potrebbe effettivamente funzionare sia a livello di visibilità ed estetica che di impatto emotivo sui passeggeri.

 

E che non ci dispiacerebbe vedere anche sui bistrattati e troppo spesso fatiscenti treni italiani.

Roberta Ragni

Leggi anche I 5 migliori progetti di giardini mobili

Leggi tutti i nostri articoli sui giardini mobili

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook