Via le slot machine, spazio ai libri: la bellissima iniziativa di un giovane barista toscano

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Palazzuolo sul Senio, il comune meno popolato della provincia di Firenze, vanta poco più di 1100 abitanti ma a uno di loro si deve un’iniziativa bellissima. Si chiama Lorenzo Naldoni, ha appena 31  anni e gestisce il bar di famiglia Gentilini. Cos’ha fatto di speciale? Da quando ha preso le redini dell’attività ha deciso di eliminare le slot machine, fonti certe di guadagno, sostituendole con una bella libreria.

Una decisione che certamente ha fatto sorridere molti gestori di bar e sale scommesse italiani ma che arriva da un ragazzo che troppo spesso aveva visto padri e madri di famiglia passare intere giornate incollati alle slot, in quella che era una vera e propria dipendenza che li avrebbe portati, e spesso lo ha fatto, alla rovina.

Lorenzo ha deciso che non sarebbe stato complice di tutto ciò. Così, pur sapendo che i guadagni del suo bar-gelateria ne avrebbero risentito, ha deciso di far portare via le slot annullando il contratto con la società proprietaria degli impianti. Al loro posto ha organizzato una sorta di biblioteca a disposizione di tutti i clienti.

Lo abbiamo contattato e Lorenzo ci ha raccontato com’è nata la sua idea:

“Ho rilevato il bar il 1° giugno 2019 da mio zio. Ho deciso immediatamente di eliminare l’ultima Slot rimasta. Questi “giochi” sono in contrasto con la mia idea appunto di gioco e contro i miei ideali. Ho rinunciato a un’entrata sicura ma non me ne è importato. Preferisco non essere complice di questo tipo di Sistema e vorrei evitare che la gente si rovini. Lo spazio all’interno del Bar, non era tanto e quindi abbiamo deciso di affittare una stanza adiacente al bar e l’abbiamo trasformata in una sala relax. All’interno di questa stanza non c’è nemmeno la televisione ma abbiamo deciso di inserire una sorta di libreria. I clienti vengono da noi, si prendono un caffè, leggono, se vogliono lasciano il segnalibro, altrimenti portano a casa il libro e lo riportano una volta terminato” ha detto a GreenMe.

libri bar

©Il filo del Mugello

Il bar è stato arricchito e colorato da tanti scaffali con libri di vario genere e giochi di società.

Ed è così che grazie all’idea di Lorenzo nel suo bar nessuno si rovina più a causa della ludopatia ma ci si ferma per bere un caffè e leggere qualche pagina, concedendosi un momento di relax nella frenesia quotidiana. I suoi sono clienti abituali e molti mettono il segnalibro e se ne vanno per tornare il giorno dopo.

Una novità apprezzata dai suoi concittadini, e non solo. Bravo Lorenzo!

LEGGI anche:

“Libraio a domicilio”: l’iniziativa di una libreria indipendente di Torino per diffondere la cultura nella città paralizzata

Biblioteca del Viaggiatore: la libreria dove prima leggi gratis e poi…parti!

Questa libreria è piena di adorabili gattini abbandonati. E i clienti possono adottarli

A Napoli si può dormire tra i libri: apre la prima libreria di Italia che è anche hotel

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Quercetti

Questi giocattoli sono riciclabili e organici: stimolano la fantasia e insegnano a rispettare l’ambiente

Schär

Quando il senza glutine incontra il biologico: nasce la linea Schär BIO

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook