The Little Reader: la libreria per bambini dove leggere con mamma e papà

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

È diventata in poco tempo un punto di riferimento per tantissimi bambini e genitori che vivono a Piazza Vittorio, quartiere multietnico di Roma. È la libreria-caffetteria The Little Reader di Caroline Dookie, giovane donna inglese arrivata in Italia 15 anni fa.

Ho lavorato per molti anni nel campo della cooperazione internazionale in diverse Ong e alla Fao – spiega a greenMe.it Caroline – ma ho sempre amato la lettura e in particolar modo, i libri per bambini. Una passione che ho poi ritrovato anche in mia figlia Eliane che oggi ha 5 anni.

Arrivata nella Capitale, Caroline però si rende conto che, soprattutto all’Esquilino, sono veramente pochissimi gli spazi dedicati a genitori e figli in cui sedersi e leggere assieme un libro.

Nel maggio 2014 mentre aspettavo la mia seconda figlia Isabelle, ho deciso di lanciarmi in una nuova avventura creando da un lato una libreria accogliente, dall’altro un luogo di ritrovo in cui imparare anche le lingue socializzando.

IMG 1110

The Little Reader non ha, infatti, solo scaffali. Al suo interno c’è una caffetteria in cui si possono trovare tutti i dolci della tradizione americana, rigorosamente fatti a mano e con prodotti biologici, c’è un piccolo cortile adibito a parco in cui ci sono i giochi tradizionali come la campana, ci sono divanetti e pouf che ricreano uno spazio armonioso e fiabesco.

Organizziamo tantissime attività che coinvolgono anche i piccolissimi, facciamo pomeriggi tematici, letture animate in lingua, corsi per imparare l’inglese dai 3 anni su. Ci sono poi le feste in maschera come quella di Halloween, di Carnevale e così via.

Piccoli momenti di serenità dopo la scuola materna o quella elementare in cui i bambini possono imparare giocando.

Abbiamo tante attività gratuite che avvicinano alla lettura quelle famiglie che magari non hanno le possibilità economiche, inoltre abbiamo una collaborazione con la vicina scuola Di Donato. Moltissimi bambini si entusiasmano e diventano poi assidui frequentatori della libreria.

shop5

Ma The Little Reader è anche molto di più, è uno spazio che abbatte le differenze sociali, culturali, di lingua e di razza.

Questo è un bellissimo quartiere aperto a tutte le nazionalità, per questo nella mia libreria non mancano libri in arabo, cinese, rumeno e così via. Il mio desiderio è che tutti i bambini si avvicinino al fantastico mondo dei libri.

Dominella Trunfio

Foto

LEGGI anche:

ECCO PERCHÉ DOVRESTI LEGGERE PIÙ SPESSO LE FAVOLE AI TUOI BAMBINI

A Tokyo la libreria hotel dove addormentarsi leggendo un libro

Bookcrossing per bambini: lo scambio che dà senso ai libri

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook