Leonardo da Vinci: il segreto del suo talento? Lo strabismo! Parola della scienza

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Dietro le sue opere si celano tanti misteri, adesso l’ultima ipotesi in ordine di tempo è che lo straordinario talento di Leonardo da Vinci, sia dovuto anche a un disturbo della vista.

A ipotizzarlo è Christopher Tyler, neuroscienziato visivo alla City University of London che insieme al suo team è convinto che Leonardo da Vinci sarebbe stato affetto da strabismo e che proprio questo disturbo agli occhi lo avrebbe reso più attento e abile nel cogliere sfumature e particolari di paesaggi, volti e oggetti.

Durante lo studio sono state analizzate alcune delle opere del pittore, tra cui la Gioconda, l’Uomo Vitruviano e il Salvator Mundi. Secondo Tyler, nei capolavori non ci sarebbe un allineamento corretto degli occhi, tecnicamente ci sarebbe una exotropia che fa parte dei disturbi dello strabismo e altera la visione tridimensionale.

Ma non solo, molti dei ritratti somigliano proprio a Leonardo da Vinci e questo sarebbe la dimostrazione per il neuroscienziato, che il pittore soffrisse di questo disturbo, alterato quando era particolarmente affaticato.

Ma cosa c’entra lo strabismo con la pittura e perché Leonardo sarebbe stato favorito da questo disturbo visivo? Lo spiega nello studio proprio Tyler:

“Quando gli occhi sono dritti c’è una visione stereoscopica e questo ci permette di percepire il senso della profondità. In presenza di strabismo, il cervello si allena a ignorare i segnali dell’occhio pigro e riesce ad ottenere indietro un’immagine più statica, molto più facile da lavorare per l’artista”.

E ancora:

“A numerosi artisti è stato diagnosticato postumo lo strabismo sulla base dell’allineamento degli occhi analizzato nelle loro opere e soprattutto nei loro autoritratti. Tra questi troviamo Rembrandt, Dürer, il Guercino, Degas e Picasso”, dice Tyler.

Insomma questo strabismo spiegherebbe la sua grande abilità nel rappresentare volti tridimensionali dipingendo anche la profondità delle scene.

“Grazie alla sua exotropia a intermittenza, Leonardo poteva invece passare con facilità da una visione in 3D a una in 2D”.

Leggi anche:

Dominella Trunfio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook