Lascia un libro, prendi un libro: l’iniziativa di book sharing che promuove la lettura in Sicilia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Leggere è importante e fa bene. Anche chi non ha questa abitudine può essere invogliato a sfogliare un buon libro se ad esempio lo trova disponibile nei luoghi che frequenta più spesso. È questa l’idea di base da cui nasce l’iniziativa “Lascia un libro, prendi un libro” che si propone di portare le persone ai libri e non i libri alle persone.

Quello di cui vi parliamo è un progetto socio culturale nato in Sicilia e precisamente a Belpasso grazie all’idea di Giuseppe Rapisarda che, nel corso dei suoi viaggi, si è più volte imbattuto in iniziative di booking sharing e ha deciso di riproporle sul suo territorio.

E’ nata così l’iniziativa “Lascia un libro, prendi un libro” finalizzata alla promozione della lettura e al recupero, alla circolazione e rivalutazione del libro, quali strumenti di cultura e di formazione della persona.

prendi-un-libro

L’idea è quella di avvicinare alla lettura persone che abitualmente non leggono. Ma come invogliarle? Semplicemente facendogli trovare dei libri nei luoghi che frequentano più spesso: bar, forni, ferramenta, frutterie, parrucchiere, studi medici e negozi vari.

All’interno delle attività commerciali si allestisce una piccola biblioteca in cui le persone possono prendere gratuitamente un libro ma solo a patto di lasciarne un altro in cambio (valgono tutti i generi ad eccezione dei testi scolastici).

Attualmente i punti di condivisione di libri a Belpasso sono 32 ma se consideriamo altri comuni del catanese e altri luoghi per il book sharing sparsi in altre regioni italiane, il numero sale e di molto. Al momento sembra siano circa 3000 i libri messi in circolo e quindi si può sicuramente affermare che il riscontro tra la popolazione è positivo.

book-sharing-sicilia

lasciare-libri

Si tratta in sostanza di una piccola biblioteca diffusa nel territorio. Un modo non solo per diffondere cultura dal basso ma anche per salvaguardare i libri che, anche a causa della tecnologia ormai onnipresente, rischiano di finire buttati al macero o dimenticati in qualche cassetto.

Tutti sono invitati a partecipare all’iniziativa, ospitando un punto di raccolta e condivisione o donando dei libri. Per saperne di più e conoscere i vari punti di book sharing già operativi potete fare riferimento alla pagina facebook “Lascia un libro, prendi un libro“.

Leggi anche:

Francesca Biagioli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook