Lampedusa: inviamo libri per costruire una biblioteca. L’appello del sindaco su twitter #lampedusalegge

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Lampedusa non ha né una biblioteca né un negozio dove poter acquistare libri. Voi ci vivreste mai in una città dove non è possibile comprare dei libri? Io non credo!“. Inizia così l’appello lanciato su Twitter dal sindaco di Lampedusa, Giusy Nicolini, per chiedere agli italiani di inviare sull’isola dei libri, anche usati.

L’idea ci e’ venuta qualche mese fa – spiega il sindaco all’Adnkronos – quante volte siamo costretti a recarci sulla terraferma per comprare un libro. Così ho pensato di lanciare un appello”. Detto e fatto. In poche ore sono state già centinaia le adesioni su Twitter, dove continuano a proliferare i tweet che riportano l’hashtag #lampedusalegge, e tantissime le mail inviate al sindaco per chiedere come potere inviare i libri.

In molti chiedono un’agevolazione per poter inviare i libri senza dover pagare la spedizione. E allora c’è chi segnala il servizio “Paccoweb” di Poste Italiane, con ritiro a domicilio del pacco che non deve pesare più di 30kg e deve misurare complessivamente 150cm. “Si tratta di un paccocelere che arriva a destinazione in 4 giorni lavorativi al costo di 11,50€“, scrive un utente. Soddisafatto il sindaco di tanto calore: “in poche ore ho ricevute tantissime mail di gente che chiede come potere inviare i libri. Non ci sentiamo più soli“, dice Nicolini. Ma ora è importante fare in modo che questi libri a Lampedusa arrivino davvero.

Quindi, se in giro per casa avete libri di qualsiasi genere che non leggete o avete già letto, e di cui volete sbarazzarvi, aderire all’iniziativa è semplicissimo: “recuperate i vostri libri e spediteli al seguente indirizzo: GIUSI NICOLINI SINDACO Donazione dei libri per la prossima apertura della Biblioteca Ibby di Lampedusa VIA CAMERONI, 92010 LAMPEDUSA (AG)”, si legge nell’appello. D’altronde, è o non è l’era della sharing economy, o economia della condivisione? Facciamo leggere anche chi non ha libri!

Roberta Ragni

LEGGI anche:

Lampedusa: il piano di rilancio dell’isola per un turismo sostenibile

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook