Le nostre lacrime sono tutte diverse, non ce ne sono 2 uguali

Lacrima vista al microscopio

Ogni lacrima è diversa dall’altra, per composizione chimica e forma. Lo si può verificare osservando le lacrime al microscopio come ha fatto Maurice Mikkers, ex tecnico di laboratorio e appassionato di fotografia microscopica.

Mikkers ha sviluppato un progetto fotografico intitolato “Imaginarium of Tears”, analizzando centinaia di campioni procurati da amici e parenti: per ottenere le lacrime chiede di concentrarsi su un’emozione intensa. In casi estremi, fa tagliare una cipolla al soggetto, oppure strappa un pelo dal naso.

Le lacrime da lui osservate al microscopio e fotografate hanno mostrato di possedere una struttura sempre diversa, un po’ come avviene per i fiocchi di neve.

Lacrima al microscopio

L’episodio che ha portato l’artista ad avviare questo progetto è abbastanza curioso: Mikkers stava lavorando allo studio della cristallizzazione dei principi attivi di alcuni farmaci quando colpì il tavolo con il piede. Il dolore fu tale da farlo piangere e gli venne l’idea di raccogliere una sua lacrima per guardarla al microscopio.

Si accorse così della presenza di cristalli all’interno della lacrima e decise di osservare altre lacrime per verificare se fossero diverse: nei suoi esperimenti riscontrò effettivamente sostanziali differenze tra le lacrime.

Tali differenze sembrerebbero dovute alla composizione chimica di ogni singola lacrima, che varia da persona a persona ma anche nello stesso individuo in base a diversi fattori, tra cui lo stato d’animo e il motivo che ha scatenato il pianto.
Lacrima al microscopio
Le lacrime contengono infatti prevalentemente acqua, muco e una piccola percentuale di lipidi, ma al loro interno sono presenti anche piccole quote di proteine, amminoacidi liberi, glucosio, sali, cellule epiteliali e ormoni.
Le sostanze che compongono lacrime non sono presenti sempre nelle stesse quantità, quindi ogni lacrima avrebbe una sorta di sua impronta digitale.

Lacrima al microscopio

Mikkers ha immortalato le lacrime per il suo progetto artistico ma è molto interessato a capire le ragioni scientifiche alla base delle differenze che ha riscontrato osservando le lacrime.

Le variabili che incidono sulla composizione chimica delle lacrime possono essere molte e, secondo Mikkers, a influenzare le presenza delle varie sostanze potrebbe essere anche l’umore. L’artista ha infatti notato sostanziali differenze tra le lacrime della stessa persona prodotte in seguito a uno stimolo irritativo o dopo un pianto disperato scaturito per un’emozione.

Il progetto fotografico dell’artista olandese diventerà presto un libro e, chi volesse, può inviare le proprie lacrime grazie a un kit che ne consente la raccolta: Mikkers provvederà a osservarle e fotografarle.

Leggi anche:

Tatiana Maselli

Photo credit Immaginarium of Tears

Salugea

Come depurare il fegato con gli estratti vegetali

Triumph

Together we recycle: Triumph ricicla i capi usati in nome dell’ambiente

Germinal Bio

Dire addio alla plastica si può: l’esempio da seguire di Germinal Bio

WhatsApp

Usi WhatsApp? Iscriviti alle nostre news gratuite

tuvali
seguici su Facebook