Il nuovo murales di Jorit dona un volto al bambino con la pagella cucita in tasca

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La sua storia aveva commosso tutti. Adesso il bambino annegato nel Mediterraneo con la pagella cucita in tasca rivive nell’ultima opera di Jorit, l’artista che a Palma Campania, ricorda il piccolo migrante con la street art.

Uno sguardo che emoziona perché ci rimanda a un tragico episodio, a una pagina triste della cronaca. Come dimenticare il bambino partito dal Mali alla ricerca di una vita migliore in Europa e con in tasca la sua pagella?

Il suo viaggio era finito nel Mediterraneo e di lui non era rimasto nulla. Ma adesso Jorit gli restituisce la dignità attraverso l’arte, rappresentando il suo volto su un palazzo a 4 piani all’incrocio tra viale Giacomo D’Antonio e via Circumvallazione, a Palma Campania.

Jorit oltre che un volto gli ha dato un nome Kukaa che in lingua swahili significa restare, proprio per rivendicare l’idea che ogni persona ha diritto di restare nella propria terra e deve essere messo in condizione di farlo.

L’artista, nella sua opera ha rappresentato due persone. In basso c’è il bambino con la pagella e una poesia di Aldo Masullo, in alto Thomas Sankara, primo presidente del Burkina Faso, soprannominato il “Che Guevara africano”, assassinato nel 1987.

Guardate la trasformazione:

Jorit era stato chiamato dal sindaco Aniello Donnarumma per realizzare un’opera di street art, e tra i tanti temi ha scelto proprio di disegnare i lineamenti di questo bambino che in un certo senso è riuscito a rompere il muro dell’indifferenza e focalizzare l’attenzione sulle migrazioni.

Adesso Kukaa rappresenta tutti quei bambini senza volto che sono morti in mare. Prima sulla stessa facciata Jorit aveva scritto alcune frasi di Vincenzo Russo, intellettuale della Rivoluzione Napoletana del 1799, originario proprio di Palma Campania e giustiziato a Napoli, in piazza Mercato.

Guardate il video:

 jorit migrante1

Così sotto i colori delle bombolette spray ci sono alcuni messaggi come ‘La rivoluzione è un fiore’ ‘Guai a prendere in giro il popolo’ e ‘Rivoluzione’.

Leggi anche:

Dominella Trunfio

Foto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook