Il corto animato che in 5 minuti ti farà innamorare della filosofa Ipazia di Alessandria

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un corto animato per immergesi nella vita di una delle figure più potenti dell’antica Roma, Ipazia di Alessandria, rinomata studiosa e consigliera politica dei leader della città.

Chi era Ipazia e perché era considerata una minaccia, tanto da essere accusata di stregoneria?

Soraya Field Fiorio ci narra la straordinaria vita di questa filosofa, saggia e imparziale, in una storia animata prodotta da TED Ed. Cinque minuti per scoprire la sua vita fatta di amore per la conoscenza, la verità e la giustizia, finita proprio per questo in modo tragico.

“Quando un gruppo di monaci di Cirillo incitò alla rivolta, ferendo gravemente l’imperatore Oreste, lui torturò a morte il loro capo. Cirillo e i suoi seguaci incolparono Ipazia accusandola di stregoneria per aver fatto rivoltare Oreste contro il cristianesimo. Nel marzo del 415, mentre Ipazia stava percorrendo le vie cittadine, la milizia di monaci del vescovo la trascinò fuori dalla sua carrozza e la uccise brutalmente facendola a pezzi. La morte di Ipazia rappresentò una svolta decisiva per la politica di Alessandria. Dopo il suo assassinio, altri filosofi della tradizione greca e romana fuggirono e la città cominciò a perdere il suo ruolo di centro culturale. In pratica, lo spirito di indagine, apertura ed equità che aveva promosso morì con lei”.

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Deceuninck

L’importanza della luce naturale in casa e come ottenere giochi di luce con qualche accortezza

TuVali.it

150+ corsi online su Salute e Benessere, a partire da 5€ (in collaborazione con GreenMe)

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook