Le terribili immagini dell’incendio che ha devastato il Museo Nazionale di Rio, persi milioni di reperti

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un terribile incendio ha devastato ieri il Museo Nazionale di Rio. Il fuoco ha divorato milioni di reperti a Quinta da Boa Vista, a São Cristóvão, nella zona nord della città.

L’incendio è iniziato ieri sera alle 19.30 ora locale ma ancora oggi il museo continua a bruciare. Una perdita gravissima. Il museo proprio quest’anno aveva compiuto 200 anni.

Un tempo la residenza di un re e di due imperatori, ospitava una ricca collezione di fossili, mummie, documenti storici e opere d’arte greche e romane, oggi ridotte in cenere. Circa 20 milioni di oggetti sono stati distrutti dalle fiamme.

Non si conoscono ancora le cause dell’incendio. Per fortuna non ci sono feriti. Sul posto erano presenti solo le 4 guardie ma sono riuscite a mettersi in salvo. La polizia locale ha aperto un’inchiesta ma trasferirà il caso a quella federale, che si occupa di ambiente e patrimonio culturale. Quest’ultima avrà il compito di stabilire se si è trattato di un incendio doloso.

A poco sono serviti i tentativi dei pompieri di contenere il fuoco, temendo che raggiungesse la parte del museo contenente sostanze chimiche infiammabili e utilizzate nella conservazione di alcuni reperti rari.

Secondo il comandante Roberto Robadey Costa Junior, è stato necessario addirittura prelevare l’acqua dal lago che si trova nelle vicinanze per controllare le fiamme.

Per il direttore del National Historical Museum, Paulo Knauss, si tratta di una tragedia: “Il museo era la residenza della famiglia reale e il quartier generale della 1° Assemblea Costituente del Brasile. All’interno ci sono parti delicate e infiammabili. Una biblioteca da favola. Il museo non è importante solo per la storia di Rio de Janeiro e del Brasile ma è fondamentale per la storia del mondo. Il nostro Paese ha bisogno di una politica che difenda i nostri musei”.

Nonostante la sua importanza storica, il National Museum è stato anche colpito dalla crisi finanziaria che ha coinvolto anche l’Università e ha lavorato con un budget ridotto per tre anni.

museo rio

Tra le più gravi perdite, anche quella di Luzia, il più antico fossile umano scoperto in Brasile e risalente a 12.000 anni fa. Luzia era una donna morta a 20-25 anni, i cui resti furono trovati nel 1974 a Lagoa Santa. Secondo le ricostruzioni, fu una delle prime abitanti del Brasile. I suoi resti, il cranio e una ricostituzione del suo volto, erano esposti nelle vetrine del museo ormai distrutto.

Luiz Duarte, vice-direttore del museo, ha detto: “È una catastrofe insopportabile. Sono 200 anni del patrimonio di questo paese. Sono 200 anni di memoria. Sono 200 anni di scienza. Sono 200 anni di cultura, di educazione”.

Un immenso patrimonio culturale purtroppo andato perduto per sempre.

Francesca Mancuso

Foto cove: AFP/Thiago Ribeiro/AGIF

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook