Brucia la Cavallerizza Reale di Torino, Patrimonio Unesco: incendio domato, ma non le polemiche

Incendio Cavallerizza Reale

Non è la prima volta che la Cavallerizza Reale di Torino, Patrimonio Unesco, viene colpita da un incendio, succedeva 5 anni fa quando le fiamme colpirono i magazzini del Circolo dei Beni Demaniali anche se al tempo la causa fu dolosa, oggi ancora incerta.

L’incendio è scoppiato poco prima delle 8 del mattino colpendo il tetto nell’area delle Pagliere, piena di rifiuti abbandonati. Sul posto sono intervenute 6 squadre dei vigili del fuoco e al momento non risultano feriti.

All’interno dell’edificio vi dormivano una trentina di occupanti qui insediati dal 2015 per impedirne la vendita voluta dall’ex sindaco Fassino. Il collettivo chiamato “Cavallerizza Irreale” ha pubblicato in mattinata un post su facebook scrivendo che le fiamme erano circoscritte all’area delle Pagliere e che gli occupanti avrebbero continuato a presidiare gli spazi a dispetto del pericolo:

“A differenza di quanto affermato su alcune testate giornalistiche, l’incendio è circoscritto unicamente a questa zona, e pare essere già stato domato dai vigili del fuoco prontamente accorsi in loco. In ogni caso, noi PRESIDIAMO gli spazi nonostante il pericolo.”

Silvia Fregolent su Twitter ha dichiarato di provare molta rabbia per questo rogo che si sarebbe potuto evitare decidendo in tempo cosa fare dello stabile che, fra l’altro, è Patrimonio Unesco:

La Cavallerizza che brucia è l’ennesimo sfregio alla città della sindaca Appendino. Non aver deciso cosa fare dello stabile per non scontentare i suoi elettori ha prodotto questo capolavoro. La rabbia che provo per questa tragedia è immenso. Mai con questi cialtroni.

Al momento, come riportano i Vigili del Fuoco, l’incendio è stato spento e sono in corso le ultime operazioni di bonifica.

Ti potrebbe interessare anche:

Terribile incendio a Los Angeles: evacuate 100.000 persone, un morto

Laura De Rosa

Photo Credit: facebook e Ansa

Schar

12 ricette senza glutine dall’antipasto al dolce

Coop

Dopo uva, meloni e ciliegie, anche le clementine dicono addio al glifosato

Ecotyre

Da Gomma a Gomma: lo pneumatico verde tutto italiano realizzato con materiali riciclati

tuvali
seguici su Facebook