Gli archeologi hanno trovato impronte umane di 115.000 anni fa (dove non dovrebbero essere)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un gruppo di archeologi ha trovato in Arabia Saudita alcune impronte fossilizzate risalenti a circa 115mila anni fa. Una scoperta davvero importante che potrebbe anche fornire nuovi dettagli agli scienziati che studiano le antiche migrazioni umane.

Un antico deposito lacustre ben conservato nel deserto del Nefud in Arabia Saudita potrebbe contenere le impronte umane più antiche mai esistite nella penisola arabica, sostengono gli scienziati del Max Planck Institutes for Chemical Ecology and the Science of Human History che le hanno scoperte.

Si tratta di sette impronte umane, trovate in mezzo a centinaia di impronte di animali preistorici, che si stima abbiano circa 115.000 anni. In totale le tracce trovate nella zona sono 376, oltre alle 7 impronte attribuite agli ominidi, ve ne sono 44 di elefanti (più grandi di quelli odierni) e 107 di cammelli, le altre sono forse di bufali e di antichi parenti dei cavalli.

L’antica zona lacustre (lago Alathar) che, grazie all’erosione dei sedimenti sovrastanti ha permesso alle antichissime impronte di riemergere, faceva probabilmente parte di “un’autostrada preistorica” che attirava tutti i grandi animali della zona, formando un corridoio intervallato da aree di sosta di acqua dolce che servivano agli animali ma anche, evidentemente, agli uomini che migravano.

Gli scienziati hanno trovato molto poco altro di ciò che di solito accompagnava i viaggi umani preistorici, come segni di coltelli o altri oggetti sulle ossa di animali. Anche per questo gli scienziati ipotizzano che gli antichi esseri umani avessero fatto visita al lago solo “di passaggio”.

impronte umane zona

© Klint Janulis, University of Oxford

Gli umani che probabilmente hanno lasciato le impronte hanno vissuto durante l’ultimo periodo interglaciale che ha causato condizioni umide in tutta la regione. Il periodo rappresentò un momento perfetto per la migrazione dei primi uomini e animali poiché l’umidità consentiva un accesso più facile attraverso le regioni desertiche.

In merito alla scoperta delle impronte umane Mathew Stewart, autore principale dello studio ha dichiarato:

“Sosteniamo per vari motivi che queste impronte sono state molto probabilmente prodotte da Homo sapiens, il che le renderebbe le più antiche impronte umane al di fuori dell’Africa. Ci sono altri siti di impronte di ominidi che risalgono a periodi precedenti, ma questi sono tipicamente attribuibili ad altre specie di ominidi come i Neanderthal. Sappiamo che gli esseri umani si stavano spostando al di fuori dall’Africa circa 120.000 anni fa e che i Neanderthal non erano presenti nella regione fino all’arrivo di condizioni più fresche decine di migliaia di anni dopo. Pertanto, sosteniamo che le impronte sono state molto probabilmente generate da Homo sapiens”.

impronte umane integrale

© Klint Janulis, University of Oxford

Il ritrovamento di queste impronte è particolarmente importante nello studio degli spostamenti dei primi umani.

“La presenza di animali di grandi dimensioni come elefanti e ippopotami, insieme a praterie aperte e grandi risorse idriche, potrebbe aver reso l’Arabia settentrionale un luogo particolarmente attraente per gli esseri umani che si spostavano tra Africa ed Eurasia“, ha sottolineato l’autore senior dello studio Michael Petraglia.

In pratica la nuova ricerca, come ha sottolineato Steward, mostra che non solo le zone costiere ma “anche le rotte interne, seguendo laghi e fiumi, potrebbero essere state particolarmente importanti“, nell’antica migrazione degli umani dall’Africa, ha fatto sapere Stewart.

Fonte: Science Advanced / National Geographic

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook