Ecco la nostra felicità ? secondo Steve Cutts

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Cos’è la felicità? Ogni giorno la cerchiamo nelle cose materiali, nella carriera, negli oggetti, perdendo di vista ciò che davvero potrebbe aiutarci a raggiungerla. Nel suo ultimo corto, Steve Cutts torna con una geniale animazione che ci fa riflettere sugli aspetti più crudeli della nostra società.

Si chiama Happiness, ovvero felicità e rappresenta ciò che succede ogni giorno nella nostra vita. Il corto di 4 minuti inizia con un’ orda di topi che corrono per strada, in metro, in ufficio.

Sono tutti uguali e si comportano come automi, la scelta dei topi non è ovviamente casuale: l’uomo viene rappresentato come una cavia da laboratorio che non ha potere decisionale, ma è vittima di un sistema.

Nel corto non si vola troppo con la fantasia, perché l’occhio geniale di Steve Cutts anche questa volta, non fa altro che osservare la realtà per creare le sue animazioni. Pensiamo al consumismo sfrenato e alla corsa agli acquisti che c’è stato qualche giorno fa con il Black Friday.

In questa vita compulsiva uno dei topi cerca di inseguire la felicità. La vede scritta sui muri, sulle locandine pubblicitarie, sui manifesti e infine, in un gigantesco flacone pieno di pillole. Il topo ci si butta dentro e quello che succede è davvero straordinario, ma il finale lascia ancora una volta l’amaro in bocca.

Steve Cutts è ormai conosciuto per le sue animazioni crude e realistiche che in un deprimente bianco e nero rappresentano ciò che il genere umano è diventato. Le nostre abitudini tendono sempre più verso il materiale e poco tempo rimane per fermarsi a riflettere su ciò che davvero conta.

L’animatore e illustratore, come dicevamo, non è nuovo al tema. Chi non ricorda gli zombie attaccati ai loro smartphone, i corpi informi alimentati dai cibi velenosi delle multinazionali e gli uomini d’affari che consumano la Terra, ossessionati solo dal guadagno?

O ancora le animazioni del brano di Moby & The Void Pacific Choir che mostravano quanto siamo dipendenti dalla tecnologia? Anche in Happiness c’è l’attacco satirico al capitalismo.

Sempre di Steve Cutt potrebbero interessarvi:

Quante volte tornando a casa da lavoro ci troviamo a riflettere sulla nostra giornata? La sera ci resta l’amarezza di aver passato tutto il tempo in ufficio, di non aver saputo gestire qualche rapporto umano, di aver dedicato solo qualche secondo al cellulare a chi ci sta più a cuore.

Passiamo tutta la giornata a inseguire la felicità, ma forse potremmo iniziare a cercarla nelle cose più semplici: un abbraccio inaspettato, un consiglio da un amico, un weekend all’aria aperta.

Una cosa è certa, dopo la visione di questo corto, avremo un’altra consapevolezza. Prendetevi quattro minuti per vederlo.

Dominella Trunfio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

Schär

Celiachia o sensibilità al glutine? Come ottenere una corretta diagnosi

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook