Greta Thunberg candidata al Nobel per la Pace. Simbolo di un’intera generazione che domani scende in piazza 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Greta Thunberg, l’attivista 16enne svedese che combatte per il clima, è stata proposta per il premio Nobel per la Pace da tre parlamentari norvegesi, in segno di riconoscimento per il suo impegno contro i cambiamenti climatici e il riscaldamento globale.

“Abbiamo indicato Greta perché la minaccia del clima è probabilmente una delle principali cause di guerre e conflitti. Il movimento di massa che Greta ha innescato è un contributo molto importante per la pace”, ha spiegato, presentando l’iniziativa, il deputato norvegese Andrè Ovstegard.

Greta risponde alla proposta sul proprio profilo Facebook dicendosi onorata e grata di questa di questa scelta:

Il 15 marzo: sciopero globale per il clima

Il tutto succede mentre fervono i preparativi in 75 paesi del mondo per il grande Sciopero mondiale del clima (#climatestrike) che si svolgerà domani in oltre 1300 città. In Italia ci saranno più di 100 appuntamenti. Marce, manifestazioni per chiedere misure più efficaci contro i cambiamenti climatici.

Nessuna bandiera e nessun colore politico perché la battaglia per il clima (Global Strike For Future) non deve conoscere frontiere e deve interessare tutti.

Fridays for Future, i venerdì del clima

L’abbiamo conosciuta nell’agosto 2018, quando seduta a terra con il suo berretto di lana e le trecce, scioperava davanti al Parlamento di Stoccolma per chiedere che i governi si impegnino in politiche di contrasto al cambiamento climatico.

La sua tenacia è diventata in poco tempo, un punto di riferimento per migliaia di giovani e le sue parole sono rimbalzate in tutto il mondo. Greta è arrivata a parlare ai potenti, ai capi di stato e di governo, bacchettandoli su politiche sbagliate che rubano il futuro alle nuove generazioni.

“Non mi fermerò. Non fino a quando le emissioni di gas serra non saranno scese sotto il livello di allarme”, dice l’attivista.

Solo pochi giorni fa Greta Thunberg è stata eletta “Donna dell’anno” in Svezia e dopo il suo discorso al vertice sul clima delle Nazioni Unite in Polonia e al forum di Davos, è diventata un esempio per molti giovani in diversi Paesi, che hanno promosso iniziative simili e che domani scenderanno in piazza per sostenere questa battaglia.

Leggi anche:

Dominella Trunfio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook