Green Drop Award 2015: vince lo sviluppo insostenibile della Cina raccontato da Behemoth, di Zhao Liang

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

“Beixi Moshuo – Behemoth” di Zhao Liang è il vincitore del Green Drop Award 2015, il premio che viene assegnato al film che meglio interpreta la sostenibilità tra quelli in gara alla 72esima Mostra del Cinema di Venezia.

La pellicola è stata premiata perché rappresenta una denuncia dello sviluppo insostenibile della Cina e delle società industrializzate. Secondo la giuria che ha decretato il vincitore, in questo film gli uomini, le donne, l’ambiente e la natura sono rappresentati come sacrificio in nome di un progresso che in realtà si rivelerà inesistente.

Il regista cinese nel film ha simulato un viaggio dantesco in cui non c’è salvezza. Esiste però un insegnamento morale rivolto agli spettatori di ogni parte del Pianeta. L’inferno dantesco in questa pellicola si esprime sulla Terra con la rappresentazione delle miniere di carbone della Mongolia, che diventano dei veri e propri gironi infernali danteschi.

“Nella Divina Commedia, Dante attraversa in sogno l’Inferno, il Purgatorio e il Paradiso. In Behemoth mi sono ispirato a Dante e ho descritto un’enorme catena industriale, in cui i colori rosso, grigio e blu rappresentano rispettivamente i tre regni danteschi”, ha spiegato Zhao Liang.

Nel film il regista analizza le condizioni di vita dei lavoratori e l’insensato sviluppo urbano. Nella società moderna si accumula ricchezza mentre l’uomo perisce. Non ci sono interviste ai minatori, perché le immagini forti che li ritraggono al lavoro parlano da sole.

“L’edizione di quest’anno del Green Drop Award è stata per noi la più impegnativa”, ha detto Elio Pacilio, Presidente di Green Cross Italia. “Fra circa 90 giorni da oggi si svolgeranno infatti i negoziati sul clima alla Conferenza internazionale delle parti a Parigi”.

cina film 1

cina film 2

cina film 3

Da Venezia attraverso il cinema Green Drop Award vuole lanciare un appello affinché questi negoziati vadano a buon fine. futuro dell’umanità dipende anche da questo e il cinema con i suoi artisti e i suoi spettatori può fare molto.

Marta Albè

Leggi anche:

FESTIVAL DI VENEZIA: IL POSTINO DI KONCHALOVSKY VINCE IL GREEN DROP AWARD 2014

MOSTRA DEL CINEMA DI VENEZIA: 5 CONSIGLI PER SCOPRIRE IL LATO GREEN DEI FILM IN CONCORSO

IL 70° FESTIVAL DEL CINEMA DI VENEZIA PREMIA I FILM DEDICATI ALL’AMBIENTE

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook