Sole in trappola: il meraviglioso spettacolo dello gnomone del Duomo di Firenze

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sole in trappola il prossimo 7 giugno: lo gnomone del Duomo di Firenze, strumento astronomico del XV secolo, “catturerà” la nostra stella che sarà proiettata a terra, regalandoci uno spettacolo unico.

Uno gnomone è in parole semplici una colonna, un obelisco o proprio un palo la cui ombra permette di misurare la posizione del Sole in cielo. Nonostante la semplicità costruttiva, gli gnomoni furono usati nel lontano passato per studiare i moti rotazione e rivoluzione della Terra attraverso gli apparenti spostamenti del Sole.

Aumentare l’altezza dello strumento significa, in teoria, aumentare l’accuratezza delle misure, ma l’ombra proiettata dal Sole diventa, come è noto, sempre più sfumata a terra. Per questo si pensò poi di sostituire l’ombra con la luce e cioè di usare un foro gnomonico al posto del palo.

Nella Cattedrale di Firenze, in particolare, il foro gnomonico è stato realizzato con una tavoletta di bronzo (la bronzina) recante un’apertura centrale di 4 centimetri di diametro e posta orizzontalmente all’interno della finestra meridionale del tamburo della Cupola, a 90 metri di altezza dal pavimento.

gnomone firenze2

Foto: MET

Lo gnomone di Firenze è il più grande al mondo ed entrò in funzione probabilmente nel 1475, stando ad alcuni documenti ritrovati nell’archivio dell’Opera di Santa Maria del Fiore. Fu voluto da Paolo Dal Pozzo Toscanelli, definito dai contemporanei il “novello Tolomeo” per sue conoscenze nel campo matematico.

Sembra incredibile ma solo i telescopi, a partire dal ‘700, soppiantarono questa geniale tecnica. E comunque, pensionata la funzione astronomica, è rimasta quella scenografica. “Anche quest’anno sarà possibile assistere all’emozionante fenomenosi legge infatti in un comunicato della città di FirenzeUno spettacolo unico al mondo, con i raggi del sole che scenderanno attraverso la Cupola del Brunelleschi per formare un’immagine del disco solare che andrà a sovrapporsi perfettamente a quella posta sul pavimento del Duomo”.

Per come è stato progettato lo gnomone, i raggi del Sole, passanti per il foro, colpiscono il pavimento della chiesa solo dalla fine di maggio al termine di luglio e per pochi minuti prima e dopo mezzogiorno.

gnomone firenze

Foto: Florence with guide

L’evento sarà visibile al pubblico tra le 12.30 e le 13.30 del 7, 12, 19 e 21 giugno (il 19 le spiegazioni saranno date in inglese).

Roberta De Carolis

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Roberta De Carolis ha una laurea e un dottorato in Chimica, e ha conseguito un Master in comunicazione scientifica. Giornalista pubblicista, scrive per GreenMe dal 2010.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook