“Un passo alla volta”: il toccante inno del rapper Ghali per ripartire insieme, rispettando le regole

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La musica può rappresentare un momento di sospensione dalla realtà, specie in giornate difficili e delicate come quelle che stiamo vivendo, a causa dell’emergenza Coronavirus, ma può anche rivelarsi un mezzo efficace e concreto per far arrivare un messaggio a tutti, grandi e meno grandi. Lo sa bene Giuseppe Sala, sindaco di Milano, che si è affidato al cantante Ghali per la campagna Yesmilano. Vediamo di cosa si tratta.

Ghali canta per la ripartenza di Milano

Ghali, tra le penne più amate della nuova scena musicale italiana, ha scelto di scendere in campo attivamente per la sua città, Milano, dove è nato ventisette anni fa. L’artista, chiamato a rapporto dal sindaco del capoluogo meneghino, ha seguito – insieme a Sara Ermoli e TBWA –  la direzione artistica di Yesmilano, una nuova campagna di comunicazione che ha uno scopo ben preciso, ossia quello di invitare tutti i cittadini al rispetto delle regole nella delicata fase 2. Un progressivo seppur lento ritorno alla normalità sarà possibile solo se tutti i cittadini contribuiranno con un comportamento responsabile e civile.

Ghali, dunque, nel video da lui scritto e realizzato, che si intitola Un passo alla volta, mostra una Milano come non l’abbiamo mai vista prima: sospesa, silenziosa, ma luminosa, perché carica di speranza per il futuro. Il pezzo, infatti, descrive sì il clima di sospensione delle ultime settimane, ma ha uno sguardo lucido sul domani: Ghali invita i cittadini al rispetto delle regole e a non perdere la fiducia negli altri. «Questa è la fase in cui stiamo capendo il valore della libertà», dice, e rivela come il lungo lockdown, vissuto da tutti noi, ci abbia messo di fronte a nuove consapevolezze e a insegnamenti che non dovremo dimenticare: la libertà, che spesso abbiamo dato per scontata, è da difendere e, per farlo, è necessario restare uniti, remare tutti nella stessa direzione.

Testo e video

Un testo diretto, fatto di immagini nitide e commoventi: Ghali, con la sua penna sapiente e delicata, ha saputo raccontare il volto di Milano all’indomani dell’inizio dell’emergenza Covd-19. Un testo, però, non retorico e sovraccarico, ma capace di suscitare emozioni precise e sensazioni diverse. Ecco le parole scritte da Ghali per Yesmilano:

Il silenzio ha fatto festa per le strade della città.
Ora che anche le fermate si sono fermate
i nostri parchi, le nostre panche, i nostri palchi
come dei giocatori che si marcano larghi.
In quarantena con le stesse messe, i nostri ramadan.
Mascherine ci fanno ormai da grembiule
in questa grande scuola
e ricordano che siamo tutti uguali.
Ci siamo laureti in pigiama
abbiamo vissuto il prima e il dopo
E ogni cameriere è diventato cuoco
il primo passo.
Dobbiamo fare attenzione, non dobbiamo avere paura
siamo in maschera, non siamo bendati.
Milano anche il cielo si è fatto bello.
È giunto il momento, ora più che mai
di seguire le regole
questa è la fase in cui stiamo capendo
Il valore della libertà.
E insieme siamo più umani che mai.
UN NUOVO INZIO,
UN PASSO ALLA VOLTA.

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Basilio Petruzza ha conseguito la laurea triennale in Lettere, indirizzo Musica e Spettacolo, e la laurea magistrale in Dams, indirizzo Teatro-Musica-Danza. È uno scrittore e blogger, ha pubblicato due romanzi e ha un blog.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook