Non butta la spazzatura per 4 anni e le foto che realizza sono impressionanti (FOTO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Spazzatura e raccolta differenziata. Sentiamo spesso grossi numeri sulle quantità di rifiuti che potremmo recuperare. Di plastica, ma anche di carta e di vetro, buttiamo via moli impressionanti, di cui, molto probabilmente, nemmeno ci rendiamo conto. Come staremmo messi, nelle nostre case, se non buttassimo via niente? Sarebbe certamente questo un modo per renderci conto di quanto di superfluo consumiamo.

E proprio per attirare l’attenzione sulla quantità di immondizia che creiamo quotidianamente e sensibilizzare il pubblico su una vera emergenza, il fotografo francese Antoine Repessé ha smesso per ben 4 anni di gettare i suoi rifiuti riciclabili per poi fotografarli. E sono venuti fuori dei quadri davvero significativi.

In meno di un lustro, Repessé ha immortalato più di 70 metri cubi di spazzatura: 1.600 bottiglie di latte, 4.800 rotoli di carta igienica e 800 chili di giornali.

Come lui stesso 7 giorni di rifiuti: impressionanti ritratti delle persone nella loro spazzatura (FOTO), Antoine ha iniziato a smettere di buttare via la spazzatura che produceva in casa, mettendo i materiali in

una serie di fotografie con diversi soggetti chiamati #365 Unpacked, che mettono in luce il consumismo sfrenato della nostra epoca”.

rifiuti antoine repessé
rifiuti antoine repessé 2
rifiuti antoine repessé 1
rifiuti antoine repessé 3
La scelta di ordinare l’immondizia conferisce un effetto grafico” ed è chiaro che l’obiettivo sia sensibilizzare il pubblico “evocando qualcosa di inquietante. È difficile rendersi conto di quanti rifiuti produciamo nella vita quotidiana se non li vediamo accumulati tutti insieme”.

Con queste immagini così impattanti dovremmo renderci conto di quanta spazzatura siamo in grado di produrre. L’impatto di un’immagine

può essere più potente di una tonnellata di parole. Spero di ispirare un cambiamento o, almeno, di far riflettere”.

rifiuti antoine repessé 4
rifiuti antoine repessé 5
rifiuti antoine repessé 6

L’artista ha affermato di essere stato ispirato a creare il suo inusuale progetto artistico dopo aver capito quanto siamo dipendenti da certi tipi di alimenti e come i consumatori come lui siano stati costretti a pagare di più per alcuni prodotti semplicemente a causa del loro imballaggio.

Sull’argomento potrebbero interessarti anche:

Intanto, mentre molte aziende hanno intrapreso importanti misure per ridurre al minimo i rifiuti inutili, la chiave del vero cambiamento sta innanzitutto in noi stessi e nel radicale cambiamento delle nostre abitudini. E queste foto lo dimostrano pienamente.

Germana Carillo

Photo Credit: Antoine Repessé

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
ABenergie

Come scegliere e valutare il tuo gestore di energia luce e gas. Scarica la guida

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook