Le dissacranti mascherine alternative nel progetto fotografico che ironizza sulla psicosi da Coronavirus

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Tutto il mondo è in allerta per la diffusione del Coronavirus e a farla da padrone sono paura e psicosi. Fortunatamente non manca una certa dose di ironia che ci fa sopportare meglio questo periodo surreale che stiamo vivendo. A smorzare i toni ci ha pensato ad esempio Max Siedentopf, fotografo che ha realizzato una serie di scatti sulle ormai note e onnipresenti mascherine.

How to survive a deadly global virus” è il progetto fotografico che Max Siedentopf, designer per metà tedesco e per metà namibiano ma residente a Londra, ha dedicato all’emergenza Coronavirus e in particolare alla psicosi, non sempre e ovunque motivata, di indossare delle mascherine (che poi tra l’altro nella maggior parte dei casi sono anche inefficaci).

Max ha cercato di ironizzare su questa situazione presentando una serie di originali mascherine fatte con oggetti e ingredienti di uso comune: dalla Nutella alle bucce di arancia, dall’insalata ai reggiseni arrivando persino ad assorbenti, confezioni o buste di plastica e una tenda! Insomma un insolito assortimento di alternative casalinghe per proteggersi dal COVID-19.

Foto © maxsiedentopf

Foto © maxsiedentopf

Foto © maxsiedentopf

Foto © maxsiedentopf

Foto © maxsiedentopf

La serie è composta da 12 ritratti fotografici, ognuno con una diversa mascherina.

Ovviamente, c’era da aspettarselo, non tutti hanno apprezzato l’idea di Max, accusato di essere troppo provocatorio e insensibile verso le persone che rischiano di ammalarsi e nei confronti di quei paesi (tra cui il nostro) che stanno vedendo affossare settori chiave dell’economia come quello del turismo.

Foto © maxsiedentopf

 

Foto © maxsiedentopf

Foto © maxsiedentopf

Foto © maxsiedentopf

Foto © maxsiedentopf

Foto © maxsiedentopf

Foto © maxsiedentopf

Fonte: Dezeen 

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook