Accademia della Crusca: no alle parole in inglese per fare filosofia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Inglese e tecnicismi banditi dall’insegnamento della filosofia nelle scuole. Lo impone l’Accademia della Crusca, che insieme alla Società Filosofica, ha inviato un monito al mondo della scuola.

Via quindi ‘debate’, utilizzato al posto di diatriba, dibattito e discussione. Non si può pensare di parlare di filosofia, di interrogarsi su questi temi utilizzando termini in inglese, dicono i letterati.

Da ieri è in corso a Firenze il convegno “Fare filosofia in italiano: fra Ottocento e Novecento” organizzato dall’Accademia della Crusca e dalla Società Filosofica Italiana in cui linguisti e filosofi si stanno confrontando su pensatori in lingua italiana, da Leopardi a Cattaneo, da Gentile a Croce.

Dall’incontro è emerso un chiaro segnale che l’Accademia e la Società Filosofica vogliono inviare al mondo della scuola:

“Si può e si deve usare la lingua italiana per scopi speculativi e per analisi qualitative di grande impegno”.

Secondo l’Accademia infatti si deve far filosofia in italiano perché in caso contrario, si rischierebbe inavvertitamente di snaturare l’impostazione filosofica “di taglio storico e critico, tipica della tradizione italiana”.

Un’indicazione precisa, anche alla luce del fatto che la filosofia sta trovando sempre più spazio nelle scuole. Si parla infatti di introdurla anche negli istituti tecnici e nel prossimo anno scolastico potrebbe diventare materia opzionale nel secondo biennio e nell’ultimo anno.

“Non è possibile, come è accaduto di recente, far credere che la dialettica del pensiero si esprima attraverso quello che è stato definito il “debate”, come se la retorica classica, la scuola medievale e la Ratio studiorum gesuitica non avessero proposto da secoli, e in forma anche più raffinata, i medesimi modelli che negli ultimi mesi ci sono giunti attraverso il MIUR, riverniciati con un po’ di modernità tecnologica.” spiega l’Accademia.

vocabolario antico

D’altro canto, la filosofia è un ottimo strumento che ci aiuta a pensare in maniera critica, non solo da grandi ma anche da piccoli.

Per questo si sta valutando anche di insegnarla fin dalla scuola primaria, in modo da stimolare i bambini alla riflessione sulle grandi domande e questioni della vita.

LEGGI anche:

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook