Il discorso di Joaquin Phoenix è troppo scomodo e i media lo tagliano (TESTO INTEGRALE)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Vince l’Oscar e sale sul palco a parlare degli orrori dell’industria del latte, delle mucche ingravidate artificialmente e dei loro cuccioli rapiti. Ma sui principali media, soprattutto italiani, di tutto ciò non c’è traccia.

Qualcuno ha bollato le toccanti parole di Joaquin Phoenix, che stanno scuotendo il mondo, come “sconclusionate”. Ma, ascoltandole, per intero e non tagliandole perché forse troppo scomode, queste appaiono come un’analisi lucida di quello che siamo diventati:

“Penso che siamo diventati davvero sconnessi dal mondo naturale. Molti di noi sono colpevoli di una visione del mondo egocentrica e crediamo di essere al centro dell’universo. Andiamo nel mondo naturale e lo deprediamo per le sue risorse. Ci sentiamo in diritto di inseminare artificialmente una mucca e di rubare il suo bambino, anche se le sue grida di angoscia sono inconfondibili. E poi le prendiamo il latte fatto per il suo vitello e lo mettiamo nel suo caffè e nei nostri cereali”.

Questo ha detto l’attore in mondovisione, urlando a tutti le ingiustizie che commettiamo negli allevamenti contro le mucche. Ma i colleghi giornalisti, a parte qualche rara eccezione, sembrano non essersene accorti. E il web sta insorgendo, facendo notare la grave omissione.

Una verità che nessuno vuole sentire?

L’attore, vegano dall’età di 3 anni e attivista per i diritti animali, porta avanti da anni la battaglia contro lo sfruttamento degli animali. Basti pensare che poche ore prima della cerimonia degli Oscar era a una protesta insieme agli attivisti di Animal Equality. O che ha scelto di festeggiare la sua vittoria con la fidanzata Rooney Mara mangiando un panino veg, della celebre catena “Monty’s Good Burger”. Seduti sugli scalini.

IL DISCORSO INTEGRALE TRADOTTO IN ITALIANO

Mi sento così grato in questo momento. Non mi sento superiore a nessuno degli altri candidati o a chiunque altro in questa sala, perché condividiamo lo stesso amore, l’amore per il cinema. E questa forma di espressione mi ha donato la vita più straordinaria che potessi avere. Non so dove sarei senza.

Ma penso che il regalo più grande che mi sia stato donato, come a molte altre persone in questa sala, sia l’opportunità di dar voce a chi non ha voce. Ho pensato molto ai problemi più angoscianti che ci troviamo ad affrontare come collettività.

Penso che a volte ci sentiamo di sostenere, o sosteniamo, cause diverse. Ma per me abbiano qualcosa in comune. Penso che quando parliamo di disuguaglianza di genere, di razzismo, diritti delle minoranze sessuali e di genere, diritti dei popoli indigeni o diritti animali, stiamo sparlando di lotta contro l’ingiustizia.

Stiamo parlando della lotta contro la convinzione che una nazione, un popolo, una razza, un genere o una specie abbia il diritto di dominare, usare e controllarne un’altra impunemente.

Penso che ci siamo disconnessi dal mondo naturale. Molti di noi hanno una visione egocentrica del mondo, per questo crediamo di essere il centro dell’universo. Andiamo nella natura e deprediamo le sue risorse. Ci sentiamo autorizzati a inseminare artificialmente una mucca e a rubare il suo cucciolo, anche se le sue grida di angoscia sono inconfondibili. Poi prendiamo il suo latte, che sarebbe destinato al cucciolo, e lo mettiamo nel caffè o nei cereali.

Abbiamo paura dell’idea del cambiamento personale perché pensiamo di dover sacrificare qualcosa, o rinunciare a qualcosa. Ma gli esseri umani al loro meglio sono creativi e ingegnosi. Possiamo creare, sviluppare e implementare cambiamenti che sono benefici per tutti gli esseri senzienti e per l’ambiente.

Ho fatto cose brutte nella vita, sono stato egoista,. Un collega con cui è difficile lavorare. E sono grato che molti di voi presenti in questa sala mi abbiano dato una seconda possibilità. E’ qui che viene il meglio dell’umanità. Quando ci sosteniamo a vicenda. Non quando ci annulliamo tra di noi per errori passati, ma quando ci aiutiamo a crescere. Quando ci educhiamo a vicenda; quando ci guidiamo l’un l’altro verso la redenzione.

“Quando aveva 17 anni, mio ​​fratello scrisse queste parole. Ha detto: ‘corri verso il rifugio con amore e troverai la pace’”.

IL DISCORSO IN INGLESE

I’m full of so much gratitude now. I do not feel elevated above any of my fellow nominees or anyone in this room, because we share the same love – that’s the love of film. And this form of expression has given me the most extraordinary life. I don’t know where I’d be without it.

But I think the greatest gift that it’s given me, and many people in [this industry] is the opportunity to use our voice for the voiceless. I’ve been thinking about some of the distressing issues that we’ve been facing collectively.

I think at times we feel or are made to feel that we champion different causes. But for me, I see commonality. I think, whether we’re talking about gender inequality or racism or queer rights or indigenous rights or animal rights, we’re talking about the fight against injustice.

Almonds are out. Dairy is a disaster. So what milk should we drink?
Read more
We’re talking about the fight against the belief that one nation, one people, one race, one gender, one species, has the right to dominate, use and control another with impunity.

I think we’ve become very disconnected from the natural world. Many of us are guilty of an egocentric world view, and we believe that we’re the centre of the universe. We go into the natural world and we plunder it for its resources. We feel entitled to artificially inseminate a cow and steal her baby, even though her cries of anguish are unmistakeable. Then we take her milk that’s intended for her calf and we put it in our coffee and our cereal.

We fear the idea of personal change, because we think we need to sacrifice something; to give something up. But human beings at our best are so creative and inventive, and we can create, develop and implement systems of change that are beneficial to all sentient beings and the environment.

I have been a scoundrel all my life, I’ve been selfish. I’ve been cruel at times, hard to work with, and I’m grateful that so many of you in this room have given me a second chance. I think that’s when we’re at our best: when we support each other. Not when we cancel each other out for our past mistakes, but when we help each other to grow. When we educate each other; when we guide each other to redemption.

When he was 17, my brother [River] wrote this lyric. He said: “run to the rescue with love and peace will follow.”

Leggi anche:

L’orrore dietro la produzione di latte italiano: mucche ferite e sofferenti e vitelli scaraventati a terra

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook