Buon compleanno November Rain! La storica canzone dei Guns N’ Roses compie 28 anni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Buon compleanno November Rain. La lunga poesia dei Guns N’ Roses il 18 febbraio ha spento 28 candeline. Una canzone molto amata dopo quasi 30 anni, unica per molti aspetti e con all’attivo vari record.

November Rain venne ascoltata per la prima volta il 18 febbraio 1992. Faceva parte del terzo album in studio della band, Use Your Illusion I. Col tempo divenne una delle canzoni simbolo della musica rock e hard rock, riconoscibile fin dalle prime note.

La ballata riesce a ricreare un’atmosfera malinconica nonostante la vocazione rock della band. Ma cosa spinse Axl Rose a scrivere un brano così struggente?

La storia di November Rain

Anche se fu pubblicata nel 1992, Tracii Guns – ex chitarrista e fondatore dei Guns N’ Roses assieme ad Axl Rose – raccontò che il frontman della band vi stesse lavorando già dal 1983.

“Quando stavamo lavorando ad un EP […] Axl stava suonando November Rain al pianoforte. Era l’unica cosa che sapeva suonare. […] Alla mia domanda “Quando la finirai?”, Axl mi rispose “Non lo so”.

Ci vollero altri 9 anni prima di perfezionarla e renderla nota. Scritta e composta da Axl Rose, la canzone venne suonata in parte al sintetizzatore ma in studio di registrazione fu suonata da una vera orchestra. Orchestra che fu presente solo in rare occasioni come durante gli MTV Video Music Awards, quando Elton John si siederà al secondo pianoforte.

Il testo racconta i momenti di crisi e la fine di una relazione sentimentale. Il video vede come protagonista Axl Rose e un’ipotetica compagna e si chiude con la tragica morte di lei. Diretto da Andy Morahan, è diviso in due parti: nella prima c’è un concerto dal vivo, diretto da un maestro d’orchestra, con Axl Rose al pianoforte. La seconda si svolge in una chiesa abbandonata in cui si alternano sole e nuvole, luce e tempesta.

Tra i protagonisti del videoclip, insieme ad Axl e alla band, c’è la modella americana Stephanie Seymour, la sposa che compare nel filmato nonché fidanzata di Axl.

I record

Si racconta che il frontman dei Guns N’ Roses Axl Rose avesse scritto e composto un brano di oltre 25 minuti ma in seguito November Rain venne ridotta alla durata di 8 minuti e 57 secondi. Ne esiste anche una versione più corta di circa 6 minuti destinata alla radio.

November Rain è il brano più lungo a essere entrato nella Billboard Hot 100 statunitense, aggiudicandosi il terzo posto nel 1992.

È anche quello con l’assolo di chitarra più lungo, ben 50 secondi, entrato nella Top Ten USA. Assolo a opera di Slash, che conquistò anche il sesto posto nella classifica dei 100 migliori assoli secondo Guitar World. Detiene la stessa posizione anche nella lista delle 25 più famose power ballad, secondo VH1.

Anche il video ha battuto numerosi record. Costato circa 1,5 milioni di dollari, è il nono video musicale più costoso della storia. Su Youtube vanta 1,3 mld di visualizzazioni diventando la prima canzone rock nella storia a superare 1 miliardo di visualizzazioni.

Niente dura per sempre, Nothin’ lasts forever, recita la canzone ma forse November rain è sulla buona strada….

Fonti di riferimento: RdS, R3M

Leggi anche:

Carmen Consoli svela le debolezze umane attraverso due canzoni curative “al contrario”

“Vince chi molla” la ‘canzone-medicina’ di Niccolò Fabi per affrontare la paura del futuro

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook