Film gratis dall’ Apecar: a Ponza e Ventotene arriva il cinema itinerante organizzato da tutte donne

feelmare apecar

Da una semplice Ape nascono migliaia di idee, come quella di piazzare sul cassone uno schermo di tre metri per due e farne il cinema più piccolo al mondo.

È proprio così che, grazie all’Associazione culturale Eikon fatta di sole donne, prende il via oggi l’edizione 2019 di FeelMare, la rassegna itinerante che a bordo di un’Apecar diffonde la cultura cinematografica tra le piazze delle isole di Ponza e Ventotene. Un esperimento di cinema su tre ruote davvero meraviglioso, il primo italiano ed europeo tutto al femminile.

feelmare

L’edizione 2019 di Feelmare parte oggi 23 luglio da Ventotene  con Oceania e con quattro giorni dedicati solo all’infanzia e ai film d’animazione, per poi raggiungere Ponza dal primo al tre agosto, con i film per gli adulti, come Fuocoammare, Capitan America e Into the Wild. Interessante è la presentazione in programma il 27 luglio del libro “Greenpeace, i guerrieri dell’arcobaleno in Italia“, l’incontro con Giuseppe Onufrio e la proiezione del documentario Il Santuario.

feelmare programma

Tutto rigorosamente gratis, tra i suggestivi scorci e il mare splendido delle isole Pontine. Il pubblico adulto partecipa portando sedie e mettendosi comodo come più, ma anche affacciandosi dal balcone, mentre per i più piccoli vengono allestite platee di cuscini e poltroncine gonfiabili, con uno spettacolo finale di bolle di sapone.

Leggi anche:

Bibliomotocarro: la libreria itinerante che regala libri ai bambini arriva sulla Bbc
Il minivan trasformato in biblioteca itinerante per i rifugiati della Grecia (FOTO)
Bibliolapa: la biblioteca itinerante dedicata a Borsellino che porta la cultura in strada

Germana Carillo

Giornalista pubblicista, classe 1977, laureata con lode in Scienze Politiche, Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci anni.
Coop

Fuori la plastica dai sacchetti del pane!

Caffé Vergnano

Women in coffee, il progetto che sostiene il ruolo delle donne che lavorano nelle piantagioni di caffè

tuvali
seguici su Facebook