Il cinema ai tempi del Coronavirus: a Roma arrivano i primi sei cine-drive per l’estate

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il cinema ai tempi del Coronavirus è un’utopia? Niente affatto! Certo, dovremo rivedere le nostre abitudini, dimenticarci di quando potevamo sederci l’uno di fianco all’altro, ma guardare un film sarà ancora possibile. L’estate 2020, infatti, sarà caratterizzata dai Cine-drive. Di cosa si tratta? È presto detto: spazi capienti in cui gli spettatori, comodamente seduti nella propria automobile, potranno assistere alla visione di un film. Ecco tutto ciò che c’è da sapere.

Il cinema ai tempi del Coronavirus: nasce il Cine-drive

Una novità importante, che rappresenta una speranza concreta per gli addetti ai lavori e una boccata d’aria per tutti coloro i quali avranno voglia di godersi qualche ora si svago: a partire da giugno, in molti municipi della Capitale, nasceranno dei Cine-drive, peraltro con i biglietti venduti a un prezzo ridotto. Al momento, si sta cercando di individuare delle piazze o dei parcheggi capienti a tal punto da poter accogliere automobili e, soprattutto, da poter garantire la distanza di sicurezza tra l’una e l’altra.

Nella prima fase, che – orientativamente – dovrebbe riguardare tutto il mese di giugno, il progetto sarà quello di creare degli spazi in cui gli spettatori, seduti in auto, potranno assistere alla visione del film. Ecco le parole di Mario Perchiazzi, Presidente di CNA Cinema e Audiovisivo, promotore dell’iniziativa:

Solo nel Lazio possiamo partire con venticinque location, il cinema rappresenta un settore strategico per Roma. Non possiamo permetterci di lasciarlo “chiuso”. Lavorano in questo mondo 55 mila persone e altre 200 mila di indotto. L’80% si trova a Roma. Saranno studiate e rispettate tutte le norme di sicurezza, garantendo una visuale perfetta.

Ma come si potranno ascoltare i dialoghi dei film, se si resta seduti nella propria macchina? Semplice: attraverso accordi con le radio locali, che trasmetteranno lo spettacolo sulle loro frequenze; nessun problema per le autovetture sprovviste di autoradio: verranno fornite delle cuffie a chi è a bordo. Superato anche il problema del biglietto: non servirà andare in biglietteria, ma lo si potrà acquistare comodamente online. Per accedere ai parcheggi destinati al Cine-drive, dunque, basterà passare il biglietto in uno scanner ed entrare negli appositi spazi destinati alla visione del film. Il costo del biglietto sarà di 7,50 euro per ogni automobile (5 euro se a bordo ci sono over65).

Nella seconda fase, invece, che presumibilmente partirà da luglio, i Cine-drive si trasformeranno in arene in cui gli spettatori potranno assistere allo spettacolo non più in macchina, ma seduti sotto le stelle, ovviamente a debita distanza l’uno dall’altro, come le norme per la sicurezze impongono.

Cine-drive: dove li troveremo?

Roma, come anticipato poc’anzi, sembra pronta a dare il via ai Cine-Drive: nella zona Pigneto, c’è il cinema Avorio, che sta lavorando per trovare una collocazione adatta alla Fiera di Roma, dove ci saranno ben quattro Cine-drive, ognuno con un film di genere diverso in programmazione.

Altre zone coinvolte sono quelle di San Lorenzo, Ponte Milvio, Eur e Ostia. Non solo: anche la splendida cornice delle Terme di Caracalla potrebbe diventare una location per uno dei Cine-drive di Roma.

Si prevedono, inoltre, iniziative simili anche nella zona Talenti (Cinevillage), Sabaudia (con ben due location), Velletri, Palestrina, Fregene, Viterbo, Terracina e Cerveteri.

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Basilio Petruzza ha conseguito la laurea triennale in Lettere, indirizzo Musica e Spettacolo, e la laurea magistrale in Dams, indirizzo Teatro-Musica-Danza. È uno scrittore e blogger, ha pubblicato due romanzi e ha un blog.
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook