Il sogno di Christo si avvera

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’opera postuma del duo artistico Christo finalmente vede la sua realizzazione a oltre un anno dalla scomparsa dell’artista bulgaro

 L’Arc de Triomphe, Wrapped, sognata e progettata dai pionieri della Land Art Christo e Jeanne-Claude, sarà in mostra a Parigi dal 18 settembre al 3 ottobre 2021. L’istallazione vede L’Arco di Trionfo avvolto in 27mila metri quadrati di tessuto in polipropilene riciclabile in blu argenteo e 7mila metri di corda rossa. 

Si tratta di un sogno che la coppia aveva fatto 60 anni fa. Nel 1961, tre anni dopo essersi conosciuti a Parigi, Christo e Jeanne-Claude iniziarono a creare opere d’arte negli spazi pubblici. Uno dei loro progetti era avvolgere un edificio pubblico. In quel periodo Christo affittò una stanzetta vicino all’Arco di Trionfo. Nel 1962 realizzò un fotomontaggio del celebre monumento avvolto, visto dall’Avenue Foch e, nel 1988, un collage

L’idea è stata ripresa nel 2017, in concomitanza con una mostra, e infine approvata dalle autorità della città di Parigi e dal Centre des Monuments Nationaux, che sovrintende ai monumenti pubblici.

 

arco del trionfo christo

© Jeanne Fourneau / Hans Lucas.

Ingegneri e squadre di costruzione hanno lavorato 24 ore su 24 da luglio per preparare l’istallazione, erigendo impalcature al fine di tenere il tessuto lontano dalla pietra del monumento. La realizzazione non ha ricevuto finanziamenti pubblici. Il progetto da 14 milioni di euro è stato finanziato interamente dall’Estate di Christo V. Javacheff, attraverso la vendita di studi preparatori, disegni e collage del progetto, nonché modelli in scala, opere degli anni ’50-’60 e litografie originali. 

Meglio conosciuti per aver avvolto il Pont Neuf a Parigi (1985), le Mura Aureliane a Roma (1974) e il Reichstag a Berlino (1995) con tessuti fluidi fissati a delle corde, Christo e Jeanne-Claude, sua moglie e collaboratrice, hanno trasformato strutture e paesaggi, scrivendo un nuovo capitolo della storia dell’arte contemporanea. Usando il tessuto, gli artisti hanno alterato luoghi simbolicamente significativi e sfidato le percezioni degli spettatori in diversi Paesi del mondo. 

La celebre coppia di Land Artist non finisce di stupire il pubblico, con un’opera che fonde arte e amore sfidando il tempo. 

Leggi anche: 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Redattrice su temi della sostenibilità sociale e ambientale. Laureata con lode in filosofia, ha conseguito un master di II livello in Rendicontazione Innovazione e Sostenibilità. Ha maturato esperienza nella comunicazione e nell’organizzazione di eventi presso enti profit e no profit.
Schär

Pasta madre senza glutine: tutto quello che devi sapere

Ènostra

“Libertà è autoproduzione”: con ènostra l’energia è rinnovabile, etica e sostenibile