Capitan Harlock: 40 anni del pirata spaziale che combatte per il Pianeta e ci insegna la resilienza

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Amicizia, libertà e amore per il Pianeta depauperato dalle sue risorse per mano dell’uomo. Il 9 aprile del 1979 sbarcava in Italia Capitan Harlock, ma a quarant’anni di distanza il suo messaggio rimane sempre attuale.

 Combattere per le proprie idee e per i propri ideali, anche quando questi vanno contro tutto e tutti. Capitan Harlock, il personaggio creato Leiji Matsumoto nel 1977 e trasmesso per la prima volta in Italia su Rai2 nel ’79, all’inizio non ha avuto vita facile, ma ben presto con la ‘manga mania’, è entrato nel cuore di tanti.

“I miei personaggi possono essere considerati come parte di un’unica grande opera. Posso dire di essere cresciuto insieme ai miei personaggi, visto tutto il tempo passato assieme. Proprio per questo non intendo porre la parola fine alla mia opera, perché per me significherebbe essere io stesso prossimo alla fine”, ha spiegato Matsumoto.

Ma perché Capitan Harlock è sempre attuale? Innanzitutto perché è un esempio di lotta e di resilienza. Il pirata spaziale e il suo equipaggio dell’Arcadia sono gli unici a difendere la Terra governata da una classe politica indifferente che pensa solo al profitto. Capitan Harlock lotta contro l’invasione di Mazone, l’impero di Raflesia.

La storia di Matsumoto è futuristica, soprattutto dal punto di vista ambientale: le macchine hanno sostituito l’uomo che è diventato sempre più pigro e svogliato, i mari e i fiumi si sono quasi prosciugati, le risorse sono depauperate senza freni. La classe dirigente però, ignora i problemi e vive in uno stato di apatia. Per questo Capitan Harlock decide di combattere per salvare il Pianeta.

Cosa ci insegna questo personaggio con la benda sull’occhio e la cicatrice sul viso? Ad avere libertà di pensiero, a difendere i nostri ideali e a seguire il nostro cuore e istinto per rimettere le cose a posto.

Ma non solo, per i più attenti, Capitan Harlock ci lascia un forte messaggio ecologista, quello seguito da tutta una vita dal suo creatore Matsumoto, ambientalista e attivista: la Terra va rispettata e solo così facendo si lascerà qualcosa in eredità alle future generazioni.

Leggi anche:

Dominella Trunfio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook