Bookcrossing: a Toronto Story Pod, la libreria ‘pop up’ per grandi e piccoli (FOTO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Quando è chiusa sembra una scatola, ma una volta aperta rivela la sua vera natura. È Story Pod, la libreria “pop-up” installata a Newmarket, un sobborgo di Toronto. Un piccolo angolo che distribuisce cultura e che ha permesso di riqualificare una piazza del quartiere recentemente completata.

A realizzare l’opera è stato il team di architetti dell’Atelier Kastelic Buffey. Proprio come le pagine di un libro, Story Pod si sfoglia. Realizzata in nero per attirare l’attenzione dei passanti della vicina strada principale e quelli della zona pedonale lungo il fiume adiacente, la libreria è formata da doghe verticali la cui distanza varia.

Le doghe più larghe permettono alla luce di filtrare e di mostrare cosa c’è all’interno.

Così, anche prima di entrare è possibile capire cosa racchiuda, incoraggiando i lettori ad entrare: volumi per grandi e piccoli.

StoryPod2

StoryPod3

Durante il giorno, due delle pareti vengono aperte proprio come le copertine di un libro. Gli ospiti sono invitati a prendere un libro e a lasciarne uno, o semplicemente ad accomodarsi su uno dei sedili incorporati e leggere.

StoryPod4

StoryPod5

StoryPod6

Di notte, quando le porte sono chiuse, luci a LED ad alta efficienza energetica alimentate da pannelli fotovoltaici sul tetto rendono questa piccola libreria autosufficiente illuminando l’interno come una lanterna.

StoryPod7

StoryPod8

La libreria è stata costruita da un team di volontari, mentre AKB ha realizzato il progetto senza percepire alcuna somma. I fondi necessari all’acquisto dei materiali sono stati donati da HollisWealth.

Francesca Mancuso

Foto: AKB

LEGGI anche:

LA LIBRERIA DOVE COMPRARE I LIBRI ‘AL BUIO’

BOOKCROSSING: A BERLINO I LIBRI GERMOGLIANO DAGLI ALBERI CON BOOK FOREST

A TOKYO LA LIBRERIA HOTEL DOVE ADDORMENTARSI LEGGENDO UN LIBRO

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook