Il Signore degli anelli perde Bilbo Baggins: addio Ian Holm

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

E’ scomparso all’età di 88 anni, non prima di aver lasciato il segno nel mondo del cinema. L’attore britannico Ian Holm che aveva interpretato lo hobbit Bilbo Baggins nella prima trilogia de Il Signore degli Anelli se n’è andato, dopo aver combattuto a lungo contro il Parkinson.

Una vita dedicata alla recitazione sia al teatro che al cinema. Holm è morto questa mattina a Londra in ospedale, circondato dall’affetto dei suoi cari. A darne notizia è stato il suo agente che in una nota ha fatto sapere:

“È con grande tristezza che l’attore Sir Ian Holm  è deceduto questa mattina all’età di 88 anni. È morto pacificamente in ospedale, con la sua famiglia. Affascinante, gentile e ferocemente talentuoso, ci mancherà moltissimo”.

Gli ultimi giorni di Holm sono stati documentati in una serie di ritratti realizzati dalla moglie, Sophie de Stempel, che è un’artista. Holm, che ha vinto un Bafta (British Academy Film Awards) ed è stato nominato all’Oscar per il ruolo dell’allenatore di atletica anticonformista Sam Mussabini nel film Momenti di gloria del 1981 , ha lasciato il teatro nel 1976.

Il primo grande successo personale lo deve ad Alien di Ridley Scott, nel 1979, in cui interpreta l’androide Ash. Sarà solo il primo di una lunga serie di film di rilevanza internazionale per Holm, tra cui Brazil di Terry Gilliam (1985), Ballando con uno sconosciuto di Mike Newell (1985), Enrico V (1989) e Frankenstein di Mary Shelley (1994) di Kenneth Branagh, Amleto di Franco Zeffirelli (1990), Il pasto nudo di David Cronenberg (1990), La pazzia di Re Giorgio di Nicholas Hytner (1994), Il quinto elemento di Luc Besson (1997), Il dolce domani di Atom Egoyan (1997).

Il Signore degli anelli

Ian Holm però verrà ricordato per un ruolo in particolare, quello dello hobbit Bilbo Baggins nella trilogia de Il Signore degli Anelli di Peter Jackson. Ruolo che torna inglese tornò a interpretare anche ne Lo Hobbit – Un viaggio inaspettato (2012), e nei due film successivi Lo Hobbit – La desolazione di Smaug (2013) e Lo Hobbit – La battaglia delle cinque armate (2014).

All’inizio di giugno l’attore aveva espresso il proprio rammarico per l’impossibilità di partecipare a una riunione virtuale dicendo :

“Mi dispiace non vedervi di persona, mi mancate tutti e spero che le vostre avventure  vi avviano portato in molti luoghi. Sono bloccato nella mia casa di hobbit”.

Tanti i messaggi di cordoglio da tutto il mondo pubblicati sui social:

RIP, che la terra (di mezzo) ti sia lieve!

Fonte di riferimento: The Guardian

LEGGI anche:

Addio Carlos Ruiz Zafón, muore all’età di 55 anni l’autore de L’ombra del vento

Addio a Christopher Tolkien, primo lettore di The Hobbit e guardiano della Terra di Mezzo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Schär

Celiachia o sensibilità al glutine? Come ottenere una corretta diagnosi

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook