Barbara Hepworth: il doodle di Google rende omaggio all’artista che rivoluzionò il mondo della scultura

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Forme astratte e nessun femminismo militante, tanto che chiese ripetutamente, nella sua vita artistica, di essere trattata da “scultore” e non da “scultrice”. Eppure, in quel mondo dominato dagli uomini, il nome di Barbara Hepworth è legato alla più bella scultura della prima metà del Novecento e alla capacità di aver stabilito modi innovativi per spingere oltre l’inimmaginabile i confini della sua tecnica e delle sue indagini tematiche.

Google celebra con uno dei suoi doodle questa donna straordinaria, scultrice inglese che fu tra le prime a esplorare le forme astratte nel secolo scorso e a mettere in pratica la “scultura diretta”. E lo fa oggi – 25 agosto – giorno in cui, nel 1939, una ancora giovane Barbara arrivò nella piccola cittadina costiera di Saint Ives, in Cornovaglia, dove si stabilì, realizzò il suo studio e visse per il resto della sua carriera.

Barbara Hepworth nacque a Wakefield, nello Yorkshire occidentale, nel 1903. Suo padre, ingegnere facoltoso, la iscrisse alla Leeds School of Art prima e poi al Royal College of Art di Londra. Scuole in cui Barbara imparò una tecnica nuova, la “Direct Carving”: scolpire direttamente il materiale, senza basarsi su modelli preparatori.

Dal 1924 Hepworth trascorse due anni in Italia e nel 1925 sposò il suo primo marito, l’artista John Skeaping, a Firenze. Il loro matrimonio sarebbe durato fino al 1931.

Nel 1924 sposò l’artista John Skeaping, cui rimase legata fino al 1931. Nel 1932 iniziò una relazione con il pittore Ben Nicholson, con cui fece diversi viaggi in Europa, durante i quali entrò in contatto con l’arte di Mondrian, Braques, Picasso e Brancusi. Un’esperienza estremamente eccitante per Barbara, perché non si trovò negli studi di alcuni degli artisti più influenti d’Europa e lanciò molto in alto la sua carriera.

Con tre gemelli oltre a un figlio nato dal suo primo matrimonio, quando scoppiò la guerra nel 1939, Hepworth e Nicholson si trasferirono a St Ives. Anche se non lo sapeva, la città di mare sarebbe rimasta la sua casa per il resto della sua vita, e dopo la guerra lei e Nicholson divennero il fulcro di una generazione di giovani artisti britannici emergenti come Peter Lanyon, Roger Hilton e Terry Frost – che è stato assistente di studio di Hepworth per un certo periodo. Qui, nella meravigliosa Cornovaglia, la bellezza selvaggia delle terre offriva un forte contrasto allo sconvolgimento e alla distruzione della guerra. E, come lei, quegli artisti hanno realizzato dipinti e sculture ispirati al luogo, alle forze e alla loro esperienza della natura.

Sebbene interessata alla forma e all’astrazione, l’arte della Hepworth riguardava principalmente le relazioni: non solo tra due forme presentate fianco a fianco, ma tra la figura umana e il paesaggio, il colore e la consistenza e, soprattutto, tra le persone a livello individuale e sociale.

Il nome di Barbara Hepworth oggi è ancora intrecciato con la storia e la cultura di St Ives e il suo studio e il giardino delle sculture rimangono una delle destinazioni più popolari della città. La città in cui nacque, invece, nello Yorkshire, oltre ad ospitare un ricco archivio del lavoro dell’artista e fungere da piattaforma per gli artisti contemporanei che lavorano oggi, l’Hepworth Wakefield rende anche un duraturo omaggio a un’artista che ha parlato spesso dell’effetto che l’ambiente circostante ha avuto sui suoi anni formativi.

hepworth in studio

©Bowness, Hepworth Estate

L’intero paesaggio dello Yorkshire – diceva – significa di più per me con il passare degli anni. Attingo a queste prime esperienze non solo visivamente nella consistenza e nei contorni, ma umanamente. L’importanza dell’uomo nel paesaggio è stata sottolineata dall’apparente contraddizione della città industriale che nasce dalla bellezza interiore del paese”.

Nella sua vita è stata anche una figura internazionale di primo piano, mostrando il suo lavoro in mostre in tutto il mondo. Come donna in un mondo artistico in gran parte dominato dagli uomini, Hepworth ha avuto un ruolo attivo nel modo in cui il suo lavoro è stato presentato. Era particolarmente attenta alla documentazione delle sue opere e collaborava strettamente con gli altri. Ha montato una retrospettiva al Museo Kröller-Müller nel 1965, ha rappresentato la Gran Bretagna alla Biennale di Venezia nel 1950 e ha vinto il primo premio alla Biennale di San Paolo di 1959.

Ha influenzato innumerevoli artisti, designer, architetti e artisti come Linder Sterling, Peter Jensen e Rebecca Warren citandola come una figura influente nella loro pratica creativa.

Fonte: Tate Modern

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook