Banksy fa “esplodere” Cupido: l’inno dello street artist a San Valentino

Nel giorno di San Valentino, Banksy regala un suggestivo murales alla sua Bristol. Nella notte in un edificio nella zona di Barton Hill è comparsa l’immagine di una bambina che con una fionda colpisce di fiori e provoca una vera e propria esplosione rossa. L’artista la cui identità rimane ancora sconosciuta, ha rivendicato l’opera su Instagram, ma non ne ha spiegato il significato.

Per questo già le ipotesi corrono in rete: che quella bambina sia Cupido che lancia un sasso al posto di una freccia verso dei fiori? O la bambina con quella fionda ha proprio colpito Cupido simboleggiato da foglie e fiori di plastica rossa, infrangendo il suo cuore? Il nuovo graffito è  molto simile all’iconico “Ballon Girl”.

Una cosa è certa, l’opera è un omaggio agli innamorati e il fatto di averla realizzata a due passi da casa sua, per molti rappresenterebbe il ritorno di Bansky nella sua città natale. Come dicevamo, il murales è comparso ieri sera 13 febbraio e l’immagine è già diventata virale.

Non siamo nuovi ai suoi straordinari capolavori perché Banksy non è soltanto un artista, è molto di più. Nelle sue opere dipinge la realtà attraverso metafore, immagini dissacranti che evidenziano tutte le contraddizioni del nostro tempo. Con le bombolette lancia messaggi che condannano il capitalismo, la violenza e l’uso delle armi, contro una società materialista che si avvelena con il cibo spazzatura e distrugge il proprio Pianeta.

Leggi anche:

Giornalista professionista, laureata con lode in Scienze Politiche e con un master in Comunicazione Pubblica e Politica. Vincitrice di due premi giornalistici per la realizzazione di due documentari. A settembre 2017 pubblica "Appunti di antimafia. Breve storia delle azioni della ‘ndrangheta e di quelli che l’hanno contrastata".
Roma Moto Days

Al Motodays 2020 va in scena la mobilità elettrica

Cosmoprof 2020

Scarica la guida sulla clean beauty, il futuro della cosmesi è green

Roma Motodays
Seguici su Instagram
seguici su Facebook