A Bologna un nuovo misterioso murales in bianco e nero: è di Banksy?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

È o non è di Banksy? Un piccolo giallo da un paio di giorni, tiene occupati i bolognesi di via Zanardi. Sul muro dell’ex Algida è comparso uno stencil in bianco e nero che fa subito pensare a Banksy.

Un uomo che rimprovera un bambino desolato con lo sguardo basso e gli occhi fissi per terra, lo stile è quello dell’artista di Bristol, la cui identità rimane ancora sconosciuta, ma possibile che questo murales a Bologna sia proprio il suo?

L’ex Algida è l’edificio in cui una volta c’era il Crash, avevamo già parlato di questa location, perché è proprio il posto in cui lo street artist Blu aveva cancellato il suo elefante giallo.

LEGGI anche: STREET ART: LA NUOVA OPERA DI BANKSY SUI RIFUGIATI DI CALAIS (FOTO E VIDEO)

Una forma di protesta contro la mostra della Street art a Palazzo Pepoli; all’epoca Blu, tra l’alto ribattezzato come il Banksy italiano, rivendicava una street art libera, non commercializzata e privatizzata.

Un’idea condivisa dalla maggior parte degli street artist che in questi giorni sono in protesta per il sondaggio lanciato dal Pac, il Padiglione di arte contemporanea, per cancellare dalla facciata dell’edificio, un murales di Blu ed Ericailcane.

LEGGI anche: ‘NON CANCELLATE IL MURALES DI BLU’: I WRITERS SI RIBELLANO PER IL BANKSI ITALIANO

murales bologna

Che sia di Blu questo murales? O è proprio un’opera di Banksy? Questa ipotesi non è del tutto impossibile perché lo scorso anno al Crash si erano esibiti i Massive Attack, la band di Bristol fondata da Robert Del Naja, soprannominato ‘3D’, che secondo il giornalista Craig Williams, sarebbe la vera identità di Banksy.

LEGGI anche: BANKSY: AL VIA LA GRANDE MOSTRA A ROMA (MA LO STREET ARTIST NON LO SA)

Per adesso il giallo si infittisce.

Dominella Trunfio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook