A Londra spunta il negozio di Banksy, ma le porte non si aprono

Un’istallazione sui generis, la più grande che abbia mai realizzato: Banksy, il misterioso street artist inglese, torna a Londra, alla periferia sud. Sembra un negozio nel quale sarebbero esposte le sue opere, compreso l’originale (o la replica?) del giubbotto “anti-pugnale” indossato da Stormzy durante l’ultimo festival di Glastonbury.

Secondo la stampa inglese, l’artista anonimo, i cui lavori sono venduti per milioni di sterline, avrebbe rilevato un negozio di tappeti chiuso a Croydon e lo avrebbe riempito con una gamma di articoli.

banksy negozio

Una grossa folla si è riunita stamattina dopo che il negozio è praticamente comparso dal nulla durante la notte all’angolo tra Church Street e Frith Road, con tanto di cartello: Gross Domestic Product, ovvero Prodotto interno lordo, a sostegno delle solite idee irriverenti e provocatorie di Banksy.

Banksy negozio banksy negozio

Eppure, pare che porte non apriranno mai, anche se le luci rimarranno accese per le prossime due settimane. O almeno stando a quanto lui stesso dice sui social:

Questo showroom è solo a scopo di visualizzazione.

Oggi apro un negozio

(anche se le porte in realtà non si aprono).

È a Croydon.

Probabilmente è meglio vederlo di notte.

Banksy colpisce ancora!

Leggi anche:

Germana Carillo
Foto

Giornalista pubblicista, classe 1977, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing e correzione di bozze. Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Izanz

Piretro: l’insetticida naturale contro le zanzare

Deceuninck

Finestre e serramenti in ThermoFibra: cos’è e quali sono i vantaggi della loro installazione

TuVali.it

150+ corsi online su Salute e Benessere, a partire da 5€ (in collaborazione con GreenMe)

Mediterranea

Come prendersi cura delle mani dopo lavaggi frequenti

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook