A Londra spunta il negozio di Banksy, ma le porte non si aprono

banksy

Un’istallazione sui generis, la più grande che abbia mai realizzato: Banksy, il misterioso street artist inglese, torna a Londra, alla periferia sud. Sembra un negozio nel quale sarebbero esposte le sue opere, compreso l’originale (o la replica?) del giubbotto “anti-pugnale” indossato da Stormzy durante l’ultimo festival di Glastonbury.

Secondo la stampa inglese, l’artista anonimo, i cui lavori sono venduti per milioni di sterline, avrebbe rilevato un negozio di tappeti chiuso a Croydon e lo avrebbe riempito con una gamma di articoli.

banksy negozio

Una grossa folla si è riunita stamattina dopo che il negozio è praticamente comparso dal nulla durante la notte all’angolo tra Church Street e Frith Road, con tanto di cartello: Gross Domestic Product, ovvero Prodotto interno lordo, a sostegno delle solite idee irriverenti e provocatorie di Banksy.

Banksy negozio banksy negozio

Eppure, pare che porte non apriranno mai, anche se le luci rimarranno accese per le prossime due settimane. O almeno stando a quanto lui stesso dice sui social:

Questo showroom è solo a scopo di visualizzazione.

Oggi apro un negozio

(anche se le porte in realtà non si aprono).

È a Croydon.

Probabilmente è meglio vederlo di notte.

Banksy colpisce ancora!

Leggi anche:

Germana Carillo
Foto

Schar

12 ricette senza glutine dall’antipasto al dolce

Coop

Dopo uva, meloni e ciliegie, anche le clementine dicono addio al glifosato

Ecotyre

Da Gomma a Gomma: lo pneumatico verde tutto italiano realizzato con materiali riciclati

tuvali
seguici su Facebook