La ballerina danza la pizzica nella piazza deserta di Lecce per “esorcizzare” il coronavirus

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Lo vogliono considerare così, i leccesi, una sorta di esorcismo in questo tempo buio e difficile. D’altronde, per loro la Pizzica è qualcosa di più di un semplice ballo: è un arcaico rito di corteggiamento e non solo. È anche un modo, quello più puro e diretto, di guarire da un dolore (metaforicamente il morso della tarantola) attraverso la danza e il divertimento.

E proprio così, in una piazza Sant’Oronzo deserta, una ballerina con un meraviglioso vestito nero ha raggiunto a passo di Pizzica il mosaico della famosa Lupa di Lecce, simbolo della città, e lì si è data ad una danza sfrenata e liberatoria.

Il video, condiviso su Facebook da Sara di Mastrogiovanni, ha ricevuto quasi 100mila visualizzazioni e ha fatto il giro del web diventando un simbolo di “resistenza” del Salento, come ha sottolineato la stessa ragazza che ha pubblicato il video.

La donna che ha danzato la Pizzica abita a pochi metri dalla piazza e non ha quindi violato alcun divieto.

La ballerina, infine, è stata anche ripresa dal filmaker pugliese Roberto Leone, che ha pubblicato su YouTube il video “D’Incanto la Pizzica”:

Venerdì 17 Aprile 2020, mi trovavo per le strade di Lecce a girare un documentario per la regione Puglia e il FAI, regolarmente autorizzato dalla Questura di Lecce. Intorno alle 19:00 da Piazza Sant’Oronzo proveniva una splendida melodia Salentina che rompeva improvvisamente un silenzio”, scrive. E il meraviglioso risultato è questo qui:

Fonte: Sara Dimastrogiovanni Facebook / YouTube

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook