Questo artigiano trasforma le bottiglie di plastica in statue e altre meravigliose opere d’arte

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Si chiama Claudinei Roberto Nanzi ed è un artigiano di Jundiaí, comune brasiliano, che dopo aver lavorato per 40 anni il legno, ha deciso di sostituirlo con le bottiglie in plastica gettate via, dando così un prezioso contributo all’ambiente.

Ogni mese ne ricicla da 300 a 500 e finora ha creato circa 3.000 opere d’arte. Tutto è iniziato dopo aver trascorso un anno in Rondônia, dove scoprì in che modo veniva estratto il legno, rimanendone scioccato, come riporta G1:

“Una volta ho trascorso un anno in Rondônia e lì ho visto le atrocità che sono state fatte per estrarre il legno. Oggi ha sigillo verde. È ancora tutt’altro che ideale, ma 30, 40 anni fa è stato terribile, molto brutto. Sono tornato sentendomi colpevole e disposto a cambiare.”

Decise quindi di rimpiazzarlo con le bottiglie di plastica gettate via nei fiumi e sulle strade. Oggi, con questo materiale riciclato, crea delle bellissime opere d’arte, molto richieste. E anche i vicini e gli appassionati contribuiscono alla causa portandogliene numerose.

Opere di plastica

Opere d'arte di plastica

Opere di riciclo

Oper d'arte con bottiglie riciclate

Come le realizza? Parte da un’idea, cerca di sfruttare l’anatomia della bottiglia e anche la personalità del produttore nel pensare al modello finale, che può essere un santo, un simbolo, un oggetto o un animale.

Con le forbici stilizza i pezzi e li salda con alcuni strumenti realizzati da lui stesso, utilizzando anche vernice, glitter, carta e colla. Per ogni opera utilizza una o più bottiglie.

I suoi capolavori non costano eccessivamente, li vende direttamente a casa sua o tramite fiere artigianali, a 20 dollari, 50, 60, 80 e così via, a seconda di quanto sono dettagliati.

Oper d'arte di riciclo

Fa inoltre parte di un gruppo di artigiani di San Paolo che tiene seminari, mostre e workshop per sensibilizzare l’opinione pubblica. Il suo obiettivo, come quello dell’associazione di cui fa parte, è infatti incoraggiare le persone a riciclare:

“Più che l’idea di arte e riciclaggio, uso il mio lavoro come materiale didattico, come facilitatore per cercare di convincere le persone a riciclare, a prendersi più cura dell’ambiente, a generare consapevolezza sociale e ambientale”.

Le opere vengono vendute in fiere artigianali promosse dal municipio e nella casa dell’artista, che si trova in Avenida Nações Unidas, 329, a Vila São Paulo.

Davvero un bell’esempio di arte sostenibile!

Ti potrebbe interessare anche:

Laura De Rosa

Photo Credit: G1

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze dei Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018, ha pubblicato per Giochidimagia Editore "Il sogno attraverso il tempo". Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo".
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook