Svelata a Roma la stazione-museo dell’Amba Aradam: un viaggio nella storia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Roma è un museo a cielo aperto. E adesso le sue splendide rovine saranno visibili anche dalla metropolitana. Sono stati svelati infatti i render della nuova stazione-museo Amba Aradam, sulla linea C.

Un mix tra antico e nuovo, tra reperti archeologici e modernità spinta. Nel 2024, quando verrà aperta, la fermata Amba Aradam/Ipponio regalerà ai viaggiatori e ai turisti uno spettacolo eccezionale, con mosaici risalenti all’epoca di Adriano, risalenti al II secolo d.C. venuti alla luce grazie agli scavi della metro C.

Frutto del lavoro dell’architetto Paolo Desideri, la stazione si trova a metà tra Fori imperiali e San Giovanni. Nel corso degli scavi, è stato rinvenuto un vasto complesso archeologico considerato una delle più rilevanti scoperte degli ultimi anni. Con le sue grandi vetrate e i led mostrerà al mondo le nuove bellezze, finora nascoste dal sottosuolo della capitale.

Nella metà occidentale del corpo stazione è stato individuato anche un vasto complesso probabilmente di carattere militare, articolato su due livelli chiamati “caserma” e “Domus del Comandante”, mentre nella metà orientale si sviluppava un ampio settore a giardino, allestito su terrazze degradanti verso il fosso dell’Acqua Crabra.

©consorzio metro C

Gli scavi nell’area della stazione Amba Aradam/Ipponio, hanno portato alla luce infatti una caserma romana risalente al II secolo d.C., di oltre trenta vani articolati lungo un corridoio, con affreschi alle pareti e pavimenti a mosaico.

©consorzio metro C

Rispetto all’altra archeostazione, San Giovanni, in questo caso binari e reperti saranno separati e si potrà entrare anche solo per ammirare i resti archeologici. Dalle entrate di via dei Laterani, via Frasalo e viale Ipponio infatti si potrà accedere alla piazza ipogea e poi decidere se visitare solo il museo o raggiungere la banchina della metropolitana, all’ultimo dei 5 piani.

pavimenti caserma

©consorzio metro C

I cantieri per la realizzazione della nuova fermata metro sono partiti nel 2015 a opera del Consorzio Metro C e dovrebbero aprire le porte al pubblico nel 2024.

©consorzio metro C

Come sarà la nuova stazione-museo Amba Aradam/Ipponio

La stazione si estende per circa 120 metri in lunghezza e per oltre 30 metri in profondità e si sviluppa su 5 livelli interrati: piano atrio e piano museale, piano per il ricollocamento dei reperti archeologici, piano destinato ai locali tecnici, piano “mezzanino” e piano banchine a servizio esclusivo della metropolitana.

A quota 26.50 sarà collocato l’ingresso all’area museale attraverso un atrio in cui saranno presenti una reception, biglietteria e guardaroba. Il livello inferiore del museo è costituito da una passerella, che permette di ammirare i resti rinvenuti nella parte superiore della caserma.

Un vero e proprio viaggio nella storia.

Fonti di riferimento: Consorzio metro C

LEGGI anche:

Roma: trovata una mini Pompei sotto gli scavi della metro C (FOTO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook