L’alternativa neo-contadina: come uscire dalla crisi con la decrescita

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Combattere la crisi e affrontare la disoccupazione anche tornando con le mani nella terra. Non è un’utopia. Lo racconta lo scrittore romano Sergio Cabras col suo nuovo libro “L’alternativa neo-contadina”, in cui spiega come questa attività sia un vero e proprio antidoto alla crisi del sistema.

Si tratta non solo di un’attività diversa rispetto a quella lavorativa ma di un cambiamento nella dimensione complessiva della vita, in cui il lavoro viene concepito in maniera diversa.

La terra offre infatti una risposta dal basso alla crisi del sistema attraverso un’economia di decrescita. Di conseguenza si può essere contadini, o meglio neo-contadini, anche facendo il part-time. Bastano un piccolo orto e alcuni alberi da frutta.

“L’importante è raggiungere un certo livello di autoproduzione che ci consenta da un lato di non dipendere completamente dal sistema dominante (quello capitalista-consumista), e dall’altro di rispettare in pieno l’ambiente e la natura. La proposta che questo libro vuole lanciare è quella di costruire un’alternativa integrale a partire non solo dalla terra ma, più in generale, dalla natura. Tutto questo implica però un cambiamento profondo nella visione del mondo” spiega l’autore.

Non solo un cambiamento di prospettiva, passando a un’economia di decrescita. Il libro va a fondo ed esplora le ragioni grazie alle quali la via neo-contadina può rappresentare un‘evoluzione umana che può tracciare un nuovo cammino per uscire fuori dalla crisi in cui oggi ci troviamo.

lalternativa neo contadina

“La maggior parte delle persone pensa che di fronte alla crisi di oggi ci si debba rassegnare all’alternativa tra disoccupazione e occupazione precaria. Il vero problema è invece la dipendenza totale dallo stipendio e dal denaro: la scelta di tornare alla campagna attenua proprio questa dipendenza. Nasce con questi propositi il mio secondo libro che spiega come sia possibile essere contadini anche soltanto part-time, senza però tralasciare la coscienza civile ed ecologica. Il neo-contadino, rispetto a quello che succedeva fino a qualche decennio fa, è infatti figlio di un tempo in cui si può scegliere di essere contadini” continua Sergio Cabras.

LEGGI anche:

L’alternativa neo-contadina” non è solo un libro ma la scelta di vita dello stesso autore, che oggi vi si dedica.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook