enciclopedia_main

Nell'era di Internet dove basta inserire una qualsiasi voce su Google per approfondire qualsiasi nostra curiosità e dove la voce di Wikipedia diventa più autorevole della Treccani, le vecchie enciclopedie in bella vista nelle librerie di tutto il mondo se ne stanno lì, ad accumulare polvere e ricordare i tempi andati, quando erano loro ad essere gli oracoli da consultare per qualsiasi evenienza.

Ma c'è qualcuno che ha pensato bene di conferire loro nuovi fasti, di farle ritornare al centro delle scrivanie con un'aurea nuova, quella dell'arte, trasformandole in originali sculture e romantici paesaggi. L'artista in questione è Guy Laramee, eccentrico, multidisciplinare che nei suoi 30 anni di carriera ha lavorato come scrittore, regista, compositore, cantante e anche produttore di strumenti musicali.

Tra le sue opere spiccano due serie incredibili di paesaggi scolpiti, appunto nei vecchi libri. Si tratta di Biblos e La Grande Muraglia in cui le pagine dense delle enciclopedie vengono scavate, dipinte e plasmate per dare alla luce montagne, altipiani e strutture antiche. Montagne di conoscenza in disuso trasformate in vere montagne.

"Mucchi di enciclopedie obsolete ritornano a ciò che non ha bisogno di dire nulla, a ciò che è semplice - spiega Laramee - "Nebbie e nubi che cancellano tutto quello che sappiamo, tutto ciò che pensiamo di essere".

Le sue opere saranno esposte nel mese si aprile del 2012 alla Galerie d'Art d'Outremont a Montreal.

Simona Falasca

geronimo stilton

Trocathlon

Torna il mercatino dell'usato di Decathlon che fa bene all'ambiente e al portafogli

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram