Paolo_Fresu_50anni

"A 50 anni si tende a stilare il bilancio della propria vita ma io non lo voglio fare. Perché non me li sento addosso e perché inizio a vivere ora. Come padre, uomo e artista". È così che Paolo Fresu, uno dei più famosi jazzisti al mondo, presenta la manifestazione organizzata per festeggiare i suoi 50 anni.

A fare da scenario, ovviamente, la sua terra d'origine, la Sardegna: 50 concerti sparsi nei posti più belli e incontaminati di tutta l'isola, alla ricerca del connubio perfetto tra musica e natura, di un nuovo modo di suonare senza impattare sull'ambiente, di nuovi luoghi da far diventare palcoscenici. E sì, perché è questo lo spirito di !50: regalare suoni ed emozioni in location inusuali e in totale armonia con l'ambiente.

La sfida è realizzare ogni concerto con soli 5 Kw, audio, luci e video compresi. Una sfida che il jazzista sardo sta riuscendo a vincere grazie ad un gruppo elettrogeno ecologico, che di giorno cattura l'energia del sole e del vento per poi restituirla la sera, durante il concerto, sottoforma di suoni e luci. Per fare questo vengono utilizzati solo 3 corpi illuminanti a led a bassa tensione (massimo 75w) e video proiettori di 300w al massimo. A fare il resto ci penserà l'arte di Fresu e le meraviglie della terra sarda.

50! è partito il 12 giugno da Berchidda, paese natale del trombettista, in cui ogni anno a cavallo di ferragosto si svolge il festival internazionale "Time in jazz",realizzato sempre a basso impatto ambientale. Proseguirà ininterrottamente, con un concerto al giorno, fino al 31 luglio attraversando villaggi nuragici, foreste, antiche miniere, aree archeologiche, parchi e musei. In questo viaggio Paolo Fresu sarà accompagnato dai nomi più importanti del panorama jazz e non solo: daUri Caine a Ludovico Einaudi e Stefano Bollani, passando attraverso generi e linguaggi diversi come quelli di Lella Costa, Paola Turci o Ascanio Celestini.

Paolo_fresu_by_f.pintus

Cinquanta imperdibili appuntamenti che parlano di crisi economica, maree nere vicine e lontane, esclusione sociale, ma anche di natura, bellezza, vita. Perché a volte anche solo con la musica si può far riflettere, ed è possibile farlo in modo sostenibile.

Consulta il programma completo di !50 cliccando qui.

Eleonora Cresci

Per la foto del concerto nel villaggio medievale di Geridu (Sorso - SS) si ringrazia Fausto Pintus.

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram