My Dog Sighs

Citando Saramago: se gli occhi sono l’unico luogo del corpo dove forse esiste ancora un’anima, allora negli occhi di My Dog Sighs cosa riusciamo a scorgere? 

My Dog Sighs è un artista multidisciplinare che si dedica da 15 anni alla realizzazione di bellissimi murales e alla realizzazione di opere d’arte con materiali riciclati, qui potete vederne alcune. 

I protagonisti indiscussi dei suoi dipinti, che possiamo ammirare sugli edifici di vari paesi del mondo tra cui Giappone, Israele, Regno Unito e da quest’anno anche in Italia, sono gli occhi.

Occhi in cui l’artista riflette il mondo che lo circonda, tra figure nette e definitive e riflessi dai contorni più astratti.

Un’ascesa fenomenale quella che lo ha visto protagonista negli ultimi anni, non solo per il suo ovvio talento ma per la quantità di ore che dedica alla sua arte.
Il meritato successo di quest’artista però non nasce dal nulla, nasce nelle strade di Portsmouth, cresce nelle strade della sua città, spinto da una personale concezione dell'arte slegata dagli interessi economici, portavoce di un'idea di arte libera e fruibile da tutti, slegata da musei e luoghi preposti per convenzione ad esposizioni. 

My Dog Sighs è dell’opinione che tutti abbiamo diritto a un po' di bellezza, ed è per questo che ha iniziato e non ha mai smesso di condividere le sue opere sui muri di tutto il mondo.

my dog sighs 2

 

my dog sighs 3

 

my dog sighs 6

Gli accenni di quel libero impeto artistico sono cominciati ad apparire casualmente sui muri di tutto il mondo più di un decennio fa, fino ad approdare anche a Roma, a marzo 2018, in occasione della seconda edizione di "Forgotten Project": un progetto urbano che punta i riflettori sugli edifici della città di Roma che, seppure situati in luoghi centrali, rischiano di essere dimenticati, che ha lo scopo di portare il cittadino alla riflessione attraverso l'arte. 

 

my dog sighs 4

 

E attraverso le riflessioni di 540 occhi l'artista inglese ha scelto di raccontarci la storia dell'Ospedale Nuovo Regina Margherita nel quartiere di Trastevere, con un'opera intitolata I still remember how it was before, in cui ogni occhio racconta la storia della comunità e del luogo che si è preso cura di ognuno di loro.  In quegli innumerevoli occhi ha impresso le storie di chi in quei luoghi è entrato, ha transitato, è nato, è fuggito via...

 

my dog sighs 5

Qui potete dare uno sguardo a tutta la sua gallery

Silvia Romano

Fonte foto

banner guida pulizie

Scrittori di classe

Come iscrivere la tua scuola a "salvare il Pianeta”, il concorso di Conad e WWF

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
settimana riduzione rifiuti 2018
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram