Philip Roth

Un grande romanziere americano e scrittore di racconti brevi, Philip Roth, conosciuto per le sue provocatorie esplorazioni dell'identità ebraica e americana, ci lascia senza mai aver ricevuto un premio Nobel

 

Le prime parole che si leggono oggi su tutti i giornali sono “senza Nobel”, come un marchio a fuoco di un merito mancato, di un riconoscimento mai arrivato. Ma Philip Roth era troppo irriverente per la quella formale Accademia svedese che mai ha ammesso che lui, ebreo d’America, rappresentava uno dei più grandi scrittori viventi, autore di alcuni dei più grandi capolavori del ‘900. Ma chi era Philip Roth, morto oggi all’età di 85 anni?

Ormai tranquillo pensionato dell’Upper West Side (la casa nel Connecticut, dove era solito appartarsi in solitudine per i suoi lunghi periodi di scrittura), come l’ha definito il New York, Philip Roth ha avuto una vita prolifica e intensa, assumendo di volta in volta numerose sembianze – principalmente versioni di se stesso – nell’esplorazione di cosa significhi essere un americano, un ebreo, uno scrittore, un uomo.

Appassionato studioso di storia americana e seguace del vernacolo americano era, più di ogni altro scrittore del suo tempo, assolutamente instancabile nella ricerca della sessualità maschile, tanto che le sue creazioni includono un Alexander Portnoy, un adolescente libidinoso erotomane complessato, e un David Kepesh, un professore che si trasforma in un seno femminile di 80 chili.

E non solo. A differenza di Pessoa e dei suoi eteronimi, Philip Roth era praticamente un campione di una serie di alter ego: nel suo estremo autobiografismo e in oltre venti romanzi, si è incarnato di volta in volta in Philip Roth stesso, in Alexander Portnoy, in Nathan Zuckerman, in Nathan Tarnopol.

Oggi ci lascia l’ultimo dei grandi maschi bianchi”, scrive ancora il NYT: il “triumvirato degli scrittori” - gli altri erano Saul Bellow e John Updike – che dominava la letteratura americana nella seconda metà del 20° secolo oggi si conclude con la morte di Roth, divenuto nel 2005 il terzo scrittore vivente (dopo Bellow e Eudora Welty) i cui libri sono custoditi nella Library of America e il cui nome in Francia è stato inserito nella prestigiosa collezione La Pléiade.

Philip Roth, biografia

Nipote di immigrati ebrei dall’Europa orientale, nato il 19 marzo 1933 a Newark, nel New Jersey, Philip Roth è conosciuto soprattutto per le sue provocatorie esplorazioni nelle viscere dell’identità ebraica e americana, spesso incentrate sull’amore familiare e sul sesso.

La sua era una famiglia della piccola borghesia ebraica e di essa ha sviscerato abitudini e false credenze in un viaggio profondo a volte reso più “leggero” da un registro comico, che nella produzione di Roth diventerà poi anche la chiave letteraria. Fino ai temi più difficili come il desiderio e le ipocrisie.

Philip Roth comincia la sua carriera letteraria al college. Dopo aver frequentato per breve tempo la Rutgers University, va alla Bucknell University, dove inizia a collaborare con la rivista Et Cetera, sulla quale pubblica alcuni dei suoi primi racconti.

Dopo essersi laureato nel 1954, Roth si arruola nell’esercito degli Stati Uniti e anche sotto le armi continua a scrivere. In seguito, frequenta l’Università di Chicago, dove consegue un master in letteratura inglese. È in quegli anni che, già dimostrando di essere uno scrittore controverso, fa arrabbiare un certo numero di lettori ebrei con la storia “Defender of the Faith”, pubblicata su The New Yorker nel 1957.

All’improvviso fui assalito come un antisemita. Una cosa che avevo detestato per tutta la vita era un ebreo che odiava la sua stessa razza”, spiegherà in seguito al New York Times.

I principali lavori letterari

Philip esordì nel 1959 con “Addio Columbus” divenendo una delle stelle nascenti della narrativa americana e vincendo il National Book Award, ma il primo vero grande successo arriva dieci anni dopo con “Il lamento di Portnoy”.

Bizzarro, esagerato, viscerale, profano e selvaggiamente divertente” (New York Times), fu proprio con Portnoy's Complaint che Philip sfondò i muri delle ipocrisie facendo “scandalo” con quel tale Alex Portnoy che “vive nel mezzo di uno scherzo ebraico”. Pagine con cui Roth riuscì a competere con quel falso pudore del tempo affrontando il tema del piacere, tra l’altro facendo uso di un registro tragicomico che consegnerà la figura di Portnoy all’Olimpo della creazione letteraria novecentesca.

Portnoy era sincero riguardo al sesso”, dirà più tardi Roth alla rivista People. E sappiate solo che la “denuncia” di Portnoy divenne un enorme successo commerciale.

Alla fine degli anni '70, Roth inizia a scrivere opere che mettevano al centro il suo alter ego letterario, lo scrittore Nathan Zuckerman. Questo personaggio apparve per la prima volta in The Ghost Writer (1979) e ricorre in molte opere come Zuckerman Unbound (1981) e The Anatomy Lesson. Mentre in molti vedono una certa affinità tra Roth e il suo Zuckerman, lo scrittore ha sempre insistito sul fatto che i suoi romanzi non erano autobiografici, affermando duramente che i lettori che vedono la sua vita solo nelle sue opere “sono semplicemente intorpiditi dalla finzione, intorpiditi dall’impersonificazione, dal ventriloquio, dall’ironia, intorpiditi dalle mille osservazioni della vita umana su cui è costruito un libro”.

Con Sabbath's Theatre nel 1995 Philip vince di nuovo il National Book Award, e tre anni dopo, conquista il premio Pulitzer per la narrativa per American Pastoral (1997). Questo romanzo, parte di una trilogia che include anche I Married a Communist (1998) e The Human Stain (2000), riporta Nathan Zuckerman a raccontare la storia dell’uomo d’affari ebraico Seymour "Swede" Levov (“lo Svedese”)

È con questo romanzo che Roth introduce uno dei personaggi più tragici e dolorosi della letteratura statunitense del ‘900, in una storia di ascesa e caduta di un esempio borghese della rinascita a stelle e strisce del periodo del dopoguerra.

Nel 2009 annuncia la fine della sua carriera da romanziere: fino ad allora aveva pubblicato oltre 30 libri, tradotti in molte lingue. Nel 2012, annuncia di aver rinunciato alla scrittura e spiega che “Nemesis”, pubblicato nel 2010, è stato il suo ultimo romanzo.

Non ho più l’energia per sopportare la frustrazione. Scrivere è una frustrazione quotidiana, e non parlo dell'umiliazione”, spiegherà al New York Times.

Philip è stato costantemente nella lista dei candidati al Nobel per la letteratura, ma l’Accademia gli ha sempre voltato le spalle. Dissacrante, scorretto e irriverente, corrosivo e esuberante. Eppure, Philip Roth è stato uno degli autori più letti del ventesimo secolo.

Philip Roth, frasi celebri

Tutto quello che ho per difendermi è l'alfabeto, è quanto mi hanno dato al posto di un fucile

Il grosso scherzo che ti fa la biologia è che raggiungi l'intimità con una persona prima di sapere qualcosa di lei

La vita è solo un breve periodo di tempo nel quale siamo vivi

Tu sai che lo desideri e sai che lo vuoi fare e che nulla te lo impedirà. In questa fase nessuno dirà nulla che possa cambiare qualcosa

Nessuno attraversa la vita senza restare segnato in qualche modo dal rimpianto, dal dolore, dalla confusione e dalla perdita. Anche a quelli che da piccoli hanno avuto tutto toccherà, prima o poi, la loro quota d’infelicità; se non, certe volte, una quota maggiore.

Un uomo non avrebbe i due terzi dei problemi che ha se non continuasse a cercare una donna da scopare. È il sesso a sconvolgere le nostre vite, solitamente ordinate

La cosa migliore sarebbe dimenticare di aver ragione o torto sulla gente e godersi semplicemente la gita. Ma se ci riuscite… Beh, siete fortunati

Quando sei stato sedotto da qualcosa, è bello non pensarci troppo e cullarsi nel piacere della seduzione

Capire bene la gente non è vivere. Vivere è capirla male, capirla male e male e poi male e, dopo un attento riesame, ancora male. Ecco come sappiamo di essere vivi: sbagliando

È la mancanza di rabbia che finisce per uccidere. Mentre l’aggressività depura o guarisce

La vecchiaia non è una battaglia, la vecchiaia è un massacro

 Germana Carillo

maschera lavera 320

Salugea

Colesterolo alto: ridurlo in soli 3 mesi naturalmente

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
banner colloqui dobbiaco
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram