acquedotto_romano_metro

Il più antico acquedotto romano, risalente al terzo secolo a.C. è stato ritrovato durante i lavori di scavo della metro C a Roma.

Siamo a piazza Celimontana a poche centinaia di metri dal Colosseo, proprio di fronte all'Ospedale militare del Celio, è qui che si scava per far passare la metro a 20 metri sottoterra.

Ed è sempre qui (ma aggiungiamo come era prevedibile) che è stata fatta una scoperta, definita dai due archeologi della Soprintendenza, come ‘clamorosa’. Assieme all’acquedotto, un po’ più giù è stata rinvenuta una tomba con un un corredo funerario dell'Età del Ferro, tra la fine del X e gli inizi del IX secolo avanti Cristo.

Da tempo gli archeologi stavano scavando in un pozzo di areazione in costruzione per la linea della metropolitana. I dettagli sul ritrovamento sono stati illustrati da Simonetta Morretta, funzionario archeologo responsabile dell'area Celio per la Soprintendenza e Paola Palazzo durante un convegno alla Sapienza.

LEGGI anche: I 10 ACQUEDOTTI PIÙ ANTICHI DEL MONDO: LE SPETTACOLARI IMMAGINI

acquedotto romano metro1

Secondo le ricercatrici:

“L'acquedotto costruito 2300 anni fa venne abbandonato nella primissima età imperiale e fu successivamente utilizzato come fogna in età tardo antica. Da qui anche la possibilità di analizzare i resti di molti cibi dell'antichità tra cui fagiani”.

Nello specifico, i blocchi dell’acquedotto sono in tufo, disposti in cinque filari sovrapposti; il piano di scorrimento interno è costituito da uno spesso strato di cocciopesto, rinvenuto in perfetto stato di conservazione, che presenta una leggerissima pendenza da Est a Ovest.

acquedotto romano metro2
acquedotto romano metro4

Non ci sono tracce di calcare, quindi secondo le studiose, ciò farebbe supporre che il suo utilizzo nel tempo sia stato limitato o che l'abbandono della struttura sia di poco posteriore ad un intervento di manutenzione.

acquedotto romano metro3

L'acqua veniva distribuita attraverso una tubazione in piombo (fistula aquaria), collegata all'acquedotto da una canaletta e un pozzetto di decantazione.

L'opera è stata smontata blocco per blocco per un tratto di dieci metri circa, catalogata, sarà messa in mostra prossimamente.

Dominella Trunfio

Foto

maschera lavera 320

Lavera

Come preparare la pelle del viso all’estate in 5 mosse

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
21 giugno 300 x 90
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram