CTH0JbVWEAIqq3p.jpg large 800x400

Per la prima volta saranno l'una accanto alle altre nella splendida cornice delle Gallerie d’Italia a Milano. Parliamo delle tre versioni de Il Bacio di Francesco Havez, quella del 1859 conservata nella Pinacoteca di Brera, quella di proprietà di un collezionista e infine, quella del 1861 che presenta dettagli differenti rispetto alle altre due.

Fino al 22 febbraio sarà possibile ammirare i tre dipinti inseriti nella mostra “Hayez”, che racchiude 120 opere dell’artista veneziano, conosciuto per essere stato uno dei pittori più rappresentativi del Risorgimento italiano.

A più di trent’anni dall’ultima esposizione milanese, Hayez torna a essere protagonista assoluto con i suoi dipinti e affreschi nei quali ricorre spesso, la simbologia della Patria e l’ideale di Nazione.

Anche Il Bacio, probabilmente la tela più celebre, è stato interpretato dai vari critici come l’ultimo bacio in assoluto tra un patriota della Seconda guerra d’indipendenza e la propria amata. Un bacio privato che diventa pubblico e allo stesso tempo un simbolo di liberazione. I tre quadri hanno colori intensi ma diversi, l’elemento comune rimane la potenza espressiva di quei volti così vicini.

bacio hayez o su horizontal fixed
La mostra è realizzata in collaborazione con l’Accademia di Belle Arti, la Pinacoteca di Brera di Milano e le Gallerie dell’Accademia di Venezia ed è curata da Fernando Mazzocca. Tutto il percorso espositivo segue una successione cronologica che rievoca la vita e il percorso creativo del pittore: dagli anni della formazione tra Venezia e Roma ancora racchiuso nell’ambito neoclassico fino all’affermazione in una Milano protagonista del Risorgimento.

Dalla pittura storica fino all’orientalismo, toccando la mitologia tra opere più o meno note di Hayez, tra cui anche il ritratto di Alessandro Manzoni, autore de I promessi sposi e le varie figure femminili tanto care al pittore. 

La mostra è visitabile da martedì a domenica dalle 9.30 alle 19.30 e il giovedì dalle 9.30 alle 22.30 Rimarrà chiusa nei pomeriggi dei giorni 19 novembre, 3 e 10 dicembre. L'ingresso intero costa 10 euro, il ridotto 8 mentre 5 il ridotto speciale.

Dominella Trunfio

LEGGI anche:

1 milione di Lego trasformati in opera d'arte: l'imperdibile mostra di Nathan Sawaya sbarca a Roma

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
festival scirarindi
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram