gravity street art 01

Un cantiere che diventa, per pochissimi giorni, una galleria d’arte originale e atipica, ospitando le opere di ben 28 firme della street art italiana: stiamo parlando di Tracce Temporanee, un’iniziativa ideata e organizzata dall’architetto Elena Nicolini, con il patrocinio gratuito dell'Assessorato alla Cultura del Comune di Roma.

Siamo in viale Liegi 39, nel quartiere Parioli, in una delle zone più eleganti della Capitale. Tra le pareti spoglie e informi di un edificio in via di ristrutturazione, degli artisti di sensibilità e stili differenti si sono ritrovati per lasciare la propria impronta, dando vita ad una mostra unica nel suo genere, che combina la carica anticonvenzionale della street art con il fascino di un luogo inusuale, un immobile che sta vivendo una profonda trasformazione architettonica.

L'edificio, infatti, è stato la sede di una banca e diventerà bene presto una clinica privata: l'esposizione non rappresenta che una fase transitoria della sua vita.

gravity street art 00

gravity street art 02

gravity street art 03

gravity street art 05

gravity street art 04

gravity street art 06

gravity street art 07

“Il titolo Tracce Temporanee” – raccontano gli organizzatori della mostra – “racchiude in sé una serie di significati di cui l’evento si fa portatore. All’interno del cantiere, infatti, sono ancora visibili i segni delle modificazioni che l’immobile ha subito nel corso del tempo. Le spazialità e le funzioni future sono già percepibili attraverso le ‘tracce’ del progetto architettonico che sono state riprodotte sui muri e sui pavimenti grezzi del cantiere. Le opere cesseranno di esistere all'imminente ripresa dei lavori. [...] la mostra che si configura come un fermo immagine della vita dell’edificio. Si avrà la possibilità di ripercorrerne la storia, di viverne lo stato attuale e di sbirciarne la configurazione futura.”

gravity street art 08

gravity street art 09

gravity street art 10

gravity street art 11

gravity street art 14

gravity street art 16

gravity street art 12

gravity street art 13

gravity street art 15

gravity street art 16

La mostra - a cui hanno contribuito gli artisti Diamond, Emmeu, Omino71, Solo, Klevra, Jerico, Gomez, Maupal, Atoche, Desex, Msgarbi, Beetroot, Sugar Kane, Darek Blatta, Pax Paloscia, Lna, Diego Ritmo, Kryon, Beniamino Leone, Teddy Killer, Moby Dick, Marcy, Domenico Romeo, Sgore, Alvarez, Ironmould, M_Hotel e Marcello Maugeri - durerà lo spazio di soli tre giorni, dall’8 all’11 ottobre, prima che nel cantiere vengano ripresi i lavori e le opere vengano distrutte.

Un motivo in più per non perderla.

Lisa Vagnozzi

Photo Credits: Tracce Temporanee

LEGGI anche

Street art: in Norvegia il murales all'aperto più grande del mondo (FOTO e VIDEO)

Street art: così hanno colorato Melfi i giovani artisti italiani (FOTO)

monge

Monge

10 cose da sapere prima di accogliere un cucciolo in casa

plt energy

PLT puregreen

I vantaggi di scegliere un operatore di energia da fonti rinnovabili

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
manifesto
banner calendario
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram