vecchia immolata

Se pensiamo agli indiani d'America, è molto probabile che la prima immagine a venirci in mente sia quella, datata, stereotipata e riduttiva, di individui selvaggi vestiti di pelli e con copricapi di piume. Per combattere questa rappresentazione da film western, tanto radicata quanto fallace, una fotografa ha intrapreso un lungo viaggio tra le tribù di nativi degli Stati Uniti, con l'obiettivo di scattare immagini che ne mostrino il "vero volto".

Il Project 562 di Matika Wilbur, che prende nome dal numero di tribù indiane ufficialmente riconosciute dal Governo federale degli Stati Uniti, vuole rendere giustizia ai nativi americani, facendoli conoscere per quello che sono - uomini e donne a tutto tondo, con una vita familiare e professionale -, e cercando di abbattere quella rappresentazione semplificata e caricaturale, dura a morire, che troppo spesso porta a considerarli come cittadini di serie B.

matika wilbur 02

matika wilbur 00

matika wilbur 01

Il progetto ha avuto ufficialmente inizio tre anni fa, quando, dopo due campagne di crowdfunding su Kickstarter, la giovane fotografa di Seattle è partita per il suo viaggio di scoperta: un'avventura nel cuore dell'America, che l'ha già portata a percorrere oltre 400 mila chilometri e a riscoprire le sue stesse radici indiane, oltre che a conoscere volti e storie diverse – anziani capi tribù, avvocati, artisti, nonni, designer, ricercatori... –, che compongono un quadro estremamente variegato, lontano anni luce dai vecchi stereotipi di matrice cinematografica.

"Sto facendo tutto questo perché le percezioni contano." – spiega Matika Wilbur- "Le percezioni alimentano il razzismo. Alimentano la segregazione. La nostra percezione determina il modo in cui trattiamo gli altri."

indiani2

indiani3

indiani

Oggi i nativi americani sono circa 5,2 milioni di persone, meno del 2% della popolazione degli Stati Uniti: di questi, molti vivono nelle riserve, dove sono alti i tassi di indigenza, alcolismo e dipendenza da droghe, così come gli abusi domestici. Un quadro drammatico che, almeno in parte, dipende dalla perdita di radici e tradizioni e dall'assenza di prospettive per il futuro.

matika wilbur 04

matika wilbur 05

Oltre a mostrare i tanti volti dei nativi, contro ogni razzismo e discriminazione, Wilbur vuole anche contribuire al miglioramento delle condizioni della sua gente, raccontando attraverso i suoi scatti delle storie di speranza e di resilienza. Per mostrare alle nuove generazioni che andare incontro al futuro non significa dover rinnegare il passato e spogliarsi delle proprie radici culturali.

Lisa Vagnozzi

Photo Credits: Matika Wilbur, Project 562

LEGGI anche

Darlene Arviso: l'instancabile nonna che ogni giorno rifornisce 250 famiglie Navajo senza acqua (FOTO)

Le inquietanti foto con gli effetti degli agenti chimici che contaminano l'ambiente

100 macchine fotografiche ai senzatetto: com'è la città vista con i loro occhi (FOTO)

casa verde

Reale Mutua

La casa verde: pannelli solari e pozzi geotermici

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram