prestitodigitale

Come sarebbe avere una biblioteca a portata di mano? Scegliere il libro che più interessa, ma anche un mp3, un video o un giornale con un solo clic e gratuitamente? La risposta la trovate nella piattaforma di prestito MediaLibraryOnLine, con la quale le biblioteche italiane e del resto del mondo possono mettere in condivisione tutti i loro volumi.

È l'epoca del prestito digitale, gente, del digital lending per dirla con gli inglesi, ovvero come condividere la cultura nelle era del 2.0, gratis e senza impatti ambientali catastrofici. Basta un pc.

Nell'Italia del "siamo tutti saccenti, ma un libro non lo leggiamo manco per sbaglio", può darsi che una biblioteca digitale risollevi un po' le sorti di questa martoriata cultura nostrana. Basti pensare che, secondo il Rapporto AIE 2013 sulle biblioteche scolastiche, il patrimonio librario è inesistente con solo 4,7 libri per studente 0,1 libri nuovi per studente ogni anno. In più, secondo l'Istat, solo l'11% della popolazione frequenta le biblioteche con regolarità, contro una media nazionale che negli Stati Uniti sfiora il 70%.

Con MediaLibraryOnLine (MLOL), 3.900 tra biblioteche pubbliche, universitarie e scolastiche presenti in 15 regioni e 4 Paesi stranieri hanno creato una grande rete di cooperazione dando vita a una eccezionale piattaforma di prestito digitale. In pratica, con MLOL è possibile consultare enciclopedie e banche dati, leggere e-book e le versioni in edicola dei quotidiani o di altri periodici, ascoltare e scaricare audio musicali, visionare video in streaming, ascoltare e scaricare audiolibri, assistere in live-casting ad eventi organizzati dalle biblioteche o rivederne le registrazioni, consultare manoscritti e testi antichi in formato immagine e leggere libri digitalizzati attraverso tipologie diverse di e-book reader.

COME FUNZIONA – La piattaforma MLOL si serve delle due modalità più diffuse oggi sul mercato: streaming e download a tempo. L'utente può rimanere collegato alla rete senza appesantire il proprio computer oppure (ma solo per alcuni editori) può scaricare il contenuto e consultarlo quando gli fa più comodo senza necessariamente essere collegato online. In questo caso, l'oggetto digitale scaricato sarà accessibile per un periodo che varia a seconda del tipo di materiale e a seconda dell'editore, tendenzialmente tra 15 giorni e un mese, trascorsi i quali l'oggetto non sarà più consultabile.

Per accedere al servizio di prestito digitale bisogna essere tesserati a una delle biblioteche del circuito, che forniscono all'utente un account da cui poter scaricare libri musica o film su computer, tablet o e-reader.

NUMERI – Circa 200mila e-book e tutta l'editoria italiana trade, 100mila e-book in lingua inglese e un'ampia collezione OPEN multilingua. Quanto alla musica, ci sono 8 milioni di tracce in streaming e in download. Inoltre, sono a disposizione banche dati e risorse per la didattica e l'apprendimento digitale per tutte le fasce scolari, tutte le principali testate italiane e una collezione di oltre 2.100 quotidiani da 80 Paesi in 40 lingue, audiolibri e anche una collezione di film italiani.

Germana Carillo

LEGGI anche:

- Bibliotech, in Texas la prima biblioteca interamente digitale

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram