1.muralestappi

Un'opera d'arte collettiva in uno spazio pubblico degradato, realizzata con materiali di recupero per creare consapevolezza sull'inquinamento. L'ha realizzata, riciclando migliaia di tappi di plastica, il collettivo Yarará, un gruppo impegnato in attività culturali e arti creative di Godoy Cruz, città argentina nella provincia di Mendoza.

Tutto ha inizio con Víctor, Noelia e Guido, i pionieri del Collettivo, che hanno dato vita a un brainstorming con immagini rappresentative. Qual è stato il risultato? Immagini di un "serpente piumato", che nella cultura ispanica simboleggia la trasformazione e l'unione del cielo e della terra, e di un personaggio in meditazione, come simbolo della riflessione sull'inquinamento ambientale.

Così è nato il murales di 14 x 2,50 metri, che utilizza la tecnica del mosaico indiretto servendosi di cemento, colla, stucco colorato, sabbia e, ovviamente, tappi colorati. Tanti tappi: circa 30 mila, secondo le stime. Per realizzarlo hanno collaborato circa 40 persone, tra bambini e adulti, che sono stati invitati attraverso i social media e il passaparola. Molti si sono uniti all'opera direttamente sul posto, lungo la pista ciclabile della zona.

{igallery id=7082|cid=366|pid=1|type=category|children=0|addlinks=0|tags=|limit=0}

Gli obiettivi sono stati raggiunti in un'ottica di rivalutazione della pratica dell'insegnamento, della partecipazione e della collaborazione. Solo così, spiega il collettivo, è stato possibile catturare davvero il messaggio di cura e rispetto per la dell'ambiente e della natura.

Roberta Ragni

LEGGI anche:

- La casa decorata con 30.000 tappi di plastica

I CORSI CHE TI FANNO STARE BENE!

Più di 100 corsi online su Alimentazione, Benessere, Psicologia, Rimedi naturali e Animali a partire da 5€. Test, attestati e la possibilità di vederli e rivederli quante volte vuoi!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
sai cosa compri
seguici su instagram
seguici su facebook
fai la cosa giusta

Dai blog