Ecco com’è l’isola più giovane del mondo creata dopo l’eruzione del vulcano

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Altro che satelliti e rilevamenti: un viaggio è sempre più bello. Così gli scienziati della Nasa sono diventati naufraghi esploratori sulla neonata isola del Tonga, stato insulare della Polinesia, talmente giovane da non avere nemmeno ancora un nome ufficiale.

É l’8 ottobre 2018 e Dan Slayback del Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, nel Maryland, si avvicina a un piccolo trio di isole nel Sud del Pacifico, unendosi quindi agli scienziati e agli studenti nella crociera Sea Education Association’s SEA Semester South Pacific per visitare un’isola di tre anni che aveva visto solo dallo spazio.

Nel gennaio 2015 un’eruzione sottomarina provoca la nascita di una nuova formazione insulare e cattura immediatamente l’attenzione degli scienziati della Nasa desiderosi di capire come si formano e si evolvono nuove isole sulla Terra, sempre in evoluzione anche a prescindere da noi.

viaggio isola giovane1

Foto: Dan Slayback

“Non esiste alcuna mappa di questa nuova terra – riferisce Slayback – È sorta dal bordo di una caldera sottomarina all’inizio del 2015, “incastrandosi” tra due isole più vecchie, presenti su alcune carte nautiche a una risoluzione approssimativa, e le cui osservazioni satellitari sembravano mostrare spiagge poco profonde sul lato sud della nuova isola”.

La nuova formazione è una delle uniche tre emerse negli ultimi 150 anni, sopravvissuta alle ondate di erosione dell’oceano per più di qualche mese. Dan e i suoi colleghi Jim Garvin di Goddard e Vicki Ferrini della Columbia University l’avevano osservata dai satelliti sin dalla sua nascita, cercando di creare un modello 3D della sua forma e del suo volume nel tempo, per capire quanto materiale è stato eroso e cosa contiene per resistere all’erosione.

isola nasa

Ma nulla di questi (importantissimi) studi sostituisce lo stupore di un viaggio e la bellezza di osservare da vicino quello che un modello non potrà mai dire. E infatti l’erosione è apparsa più consistente del previsto.

“Mi ha davvero sorpreso quanto fosse prezioso essere lì di persona – continua infatti lo scienziato – […] L’isola si sta erodendo a causa delle precipitazioni molto più rapidamente di quanto avessi immaginato. Ci siamo concentrati sull’erosione della costa sud dove le onde si infrangono, cosa che sta accadendo. Ma è tutta l’isola ad andare giù in realtà”.

E dopo questo incredibile viaggio gli scienziati continuano a costruire modelli, ora più precisi, ma soprattutto con gli occhi pieni di reale bellezza.

viaggio isola giovane2

Foto: Dan Slayback

La natura non può che continuare a sorprenderci.

Leggi anche:

Roberta De Carolis

Cover: Sea Education Association / SEA Semester via Nasa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Roberta De Carolis ha una laurea e un dottorato in Chimica, e ha conseguito un Master in comunicazione scientifica. Giornalista pubblicista, scrive per GreenMe dal 2010.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook